Caldo, sperate nei temporali? Dovete aspettare fino a mercoledì

Caldo, sperate nei temporali?
Dovete aspettare fino a mercoledì

Non è finita. Se il finesettimana appena trascorsi ha toccato i picchi di caldo, i prossimi due giorni sarà pure peggio.

Le previsioni della società bergamasca «3Bmeteo» dicono che lunedì e martedì la calura sarà decisamente opprimente. Bisognerà aspettare mercoledì sera per un temporale rinfrescante in città e in pianura. Prima di allora, la colonnina del mercurio salirà inesorabilmente fino a toccare i 36-37 gradi all’ombra.

Significa che al sole la percezione del calore, oggi e domani, è intorno ai 40 gradi. Da giovedì, superati i temporali della notte, le temperature scenderanno intorno ai 30 gradi per poi risalire nuovamente nel weekend.

Tra le categorie che soffrono maggiormente il caldo ci sono gli anziani. In alcuni paesi sono scattate delle misure di emergenza, anche spontanee, come a Ponte San Pietro. Per far fronte a questa emergenza di caldo canicolare che fa soffrire, come indicato dall’Asl di Bergamo, la Fondazione casa di riposo di Ponte san Pietro in accordo con Fausto Alborghetti, direttore del distretto Asl dell’Isola e Valle San Martino ha messo a disposizione spazi comuni climatizzati per accogliere persone anziane in difficoltà.

«Tutta la nostra casa di riposo è climatizzata –fa sapere il presidente della casa di riposo Pietro Algeri– e le persone che vogliono trascorrere alcune ore al giorno lontane dal caldo e dall’afa opprimente possono venire nella nostra struttura. Siamo ben lieti di accoglierle e le ospitiamo nella sala attività del centro diurno».

«Qui gli anziani possono anche incontrare gli ospiti che partecipano al centro diurno, quindi giocare a carte, vedere la televisione, magari il tour de France, e chiacchierare – aggiunge Algeri–. Il nostro personale è a disposizione per ogni esigenza. Ritengo utile che in questi momenti particolari le strutture come la nostra collaborino con l’Asl, i Comuni e i nostri cittadini».

Con una nuova notizia sul caldo: «Quello in atto - spiegano da 3bMeteo - è un anticiclone piuttosto tenace: dopo la «piccola crisi» una nuova rimonta dell’anticiclone è attesa infatti entro la metà del mese».


© RIPRODUZIONE RISERVATA