Cambiare vita grazie al «Turismo lento» Case cantoniere e caselli in concessione

Cambiare vita grazie al «Turismo lento»
Case cantoniere e caselli in concessione

«Quanto sarebbe bello cambiare vita». Una frase ricorrente, soprattutto quando le vacanze sono agli sgoccioli e il ritorno al lavoro incombe. Eppure le possibilità non mancano.

Un esempio è il bando lanciato pochi giorni fa dall’agenzia del Demanio che ha deciso di mettere a disposizione una serie di beni in disuso che attendono solo di essere valorizzati con progetti interessanti. Il tutto nel segno del turismo “lento”. Sono case cantoniere, ex caselli abbandonati, hotel e case in alcuni degli angoli d’Italia tutti da scoprire: dalla Campania alla Basilicata passando per la Puglia e anche il Nord Italia. Gli immobili a disposizione sono 43 (almeno per il bando, poi ne seguiranno altri) e saranno dati in concessione per nove anni a imprese, cooperative o associazioni costituite in prevalenza da under 40. Quanto costa? Per partecipare alla gara è necessario presentare una proposta che non prevede l’offerta di un canone: la valutazione si baserà unicamente sugli elementi qualitativi del progetto presentato che dovrà essere coerente con la filosofia e le finalità dell’iniziativa. Innanzitutto l’ipotesi di recupero e riuso del bene che dovrà prevedere nuove funzioni in grado di offrire servizi al viaggiatore, oltre che tutelare il carattere storico e identitario dell’immobile e del contesto in cui è inserito.

A questo link potete trovare tutti gli immobili che saranno dati in concessione


© RIPRODUZIONE RISERVATA