Capelli neri

Presi come siete da mille incombenze quotidiane, potrebbe sfuggirvi, così sui due piedi, la precisa identità di Kento Momota e Kenichi Tago. Sorvolerò graziosamente su questa mancanza, per ricordarvi che i sunnominati sono campioni di badminton. Se anche il badminton, al momento, non vi è presente, suggerirò che si tratta di uno sport molto praticato in Oriente - meno in Occidente - che i profani, dalle nostre parti, potrebbero aver catalogato sotto la voce “volàno”.

Capelli neri

Dire che Momota e Tago sono campioni di badminton è però fare torto al loro valore: in campo internazionale hanno portato infinita gloria al loro Paese, il Giappone, distinguendosi nelle gare più important, Olimpiadi incluse. Purtroppo per loro, per quanto appassionante possa essere il badminton, evidentemente non è bastato a riempire le loro vite: si è scoperto, infatti, che la coppia di sportivi, riposta temporaneamente la racchetta, coltivava il vizio del gioco d’azzardo ed era arrivata a perdere un bel gruzzolo di yen in case da gioco legate, oltretutto, alla criminalità organizzata. Pescati con il gettone in bocca, Momota e Tago hanno indetto una conferenza stampa dicendosi disposti ad accettare le conseguenze del loro errore, la più importante delle quali sarà la rinuncia alle Olimpiadi di Rio. I campioni si sono presentati davanti ai giornalisti con i capelli tutti neri, ovvero del naturale colore orientale: offrendo ai fotografi il bulbo privo delle tinture così comuni tra i giovani giapponesi, Momota e Tago hanno voluto intendere una promessa di ritrovata sobrietà, ovvero il desiderio di apparire davanti ai connazionali finalmente veri e semplici, con tutta la colpa e il pentimento in piena luce. Non c’è dubbio che questo comportamento, visto alle nostre latitudini, possa sollevare facili ironie. Talmente facili che potremmo metterle direttamente agli atti e pensare invece per un momento a quanto sia molto più patetica la nostra disinvoltura a passare giusto una mano di tintura su ogni magagna pubblica e privata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA