Casinò a San Pellegrino  Il sindaco chiama i parlamentari

Casinò a San Pellegrino
Il sindaco chiama i parlamentari

Appuntamento il 24 aprile alle 10 al Comune di San Pellegrino Terme per fare il punto della situazione e provare a fare squadra.

E il sindaco Vittorio Milesi invita tutti i parlamentari ad un incontro «per valutare quali iniziative possano essere condivise e attuate per ottenere l’inserimento della riapertura del Casinò di San Pellegrino Terme nel decreto sul gioco d’azzardo che il Governo dovrebbe presentare nei prossimi giorni». Non più tardi di martedì 14 aprile Gregorio Fontana, parlamentare di Forza Italia, aveva invitato tutti i colleghi e la politica bergamasca a fare fronte comune sul tema.

«Vale la pena di ribadire come l’apertura del Casinò costituirebbe un ulteriore decisivo elemento per rafforzare e dare piena e completa attuazione alle previsioni contenute nell’Accordo di Programma promosso dalla Regione Lombardia nel 2007 per il rilancio turistico-occupazionale di San Pellegrino Terme e della Valle Brembana e che hanno trovato nei mesi e nei giorni scorsi un nuovo fondamentale impulso grazie all’apertura del centro termale e al consistente finanziamento assegnato dal Governo per il recupero del complesso monumentale del Grand Hotel» ricorda Milesi, da sempre in prima linea per la riapertura della casa da gioco nella cittadina brembana, rilanciata dalla recente inaugurazione delle terme.

Vitttorio Milesi, sindaco di San Pellegrino

Vitttorio Milesi, sindaco di San Pellegrino
(Foto by Colleoni)

«In questa direzione, deve essere evidenziato l’ampio consenso e la condivisione che la richiesta di riapertura del Casinò ha raccolto negli ultimi tempi sul territorio : il sostegno ampio e convinto registrato in sede locale, provinciale e regionale, su un tema indubbiamente delicato come quello delle Case da Gioco, evidenzia e testimonia che lo spirito e le ragioni per le quali il Comune di San Pellegrino Terme sollecita la riapertura del Casinò, sono stati riconosciuti e condivisi nella loro valenza e significato più vero e cioè nel tentativo di rafforzare una prospettiva di sviluppo e di futuro per un territorio sempre più emarginato e in difficoltà come quello della Valle Brembana» conclude il sindaco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA