Venerdì 05 Settembre 2003

Comenduno: resta in carcere l’uomo che ha ucciso la moglie

Resta in carcere Issa Maiga, il 37enne autista nigeriano che nella tarda serata di martedì nel suo appartamento di via Mazzolari a Comenduno di Albino ha ucciso la moglie Clemence Carine Akoa Memong, 27 anni.

L’uomo oggi è stato interrogato dal gip, Rita Caccamo, nel carcere di via Gleno, alla presenza del legale dell’immigrato, l’ avvocato Emilio Tanfulla. L’arresto non è stato convalidato dal giudice: solo una questione procedurale, perché il provvedimento è arrivato non in flagranza e a troppe ore di distanza dal delitto.

L’accusa resta comunque quella pesantissima di omicidio volontario. Issa Maiga - in stato confusionale - ha raccontato al gip quello che si ricorda della tragica serata: la discussione con la moglie, la moglie morta, ma non il momento del delitto.

Sugli attimi in cui è maturato l’omicidio c’è il buio totale: l’uomo dice di non ricordare assolutamente nulla. L’autopsia, eseguita ieri mattina, aveva riscontrato due ferite di circa 5-6 centimetri di lunghezza sulla fronte e sul lato del cranio della donna, oltre allo sfondamento della nuca.

Secondo l’accusa, al culmine di un litigio sull’opportunità o meno di mandare la figlioletta di due anni all’asilo, Maiga avrebbe sbattuto la testa della moglie contro lo spigolo della spalliera del letto di casa.

(5/9/2003)

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags