Giovedì 18 Dicembre 2008

Cosa pensano i pendolari/2 (15 dicembre)

Vorrei farvi presente che, contrariamente a quanto scritto in precedenza, chi arriva da Cremona alle 17.53, oltre ad avere scarse se non nulle possibilità di prendere la coincidenza per Bergamo a Treviglio Ovest alle 18.06 dovendo fare a piedi il tragitto tra le 2 stazioni in assenza di qualsiasi collegamento, dovrà restare a Treviglio fino all’arrivo del treno delle 19.06 e non delle 18.50, quest’ultimo previsto solo nei giorni non lavorativi.Il 19.06 arriva a Bergamo alle 19.28 ,ciò significa che per tale tragitto Treviglio-Bergamo dovrò stare in giro ben 1 ora e 35 minuti !!! In questo tempo dove si arriva con la Freccia Rossa?Chiedo perciò che anche il treno in transito alle 18.40 e per il quale non è prevista la fermata a Treviglio Ovest, vi si fermi e raccolga i pendolari che dopo una giornata di lavoro devono attendere circa 50 minuti in stazione; non è il massimo e penso che sia anche il minimo che si può chiedere, il treno già esiste e non penso che sia così importante far arrivare 5 minuti prima chi proviene da Milano.Penso che sia proprio una minima richiesta quella di far fermare a Treviglio Ovest i 2 treni delle 17.10 e 18.10 da Milano, che non costi nulla di speciale nè a Trenitalia nè alla Regione. E’ assurdo non farli fermare. Tutte le fermate a Treviglio Ovest sia alla mattina che alla sera, sia all’andata che al ritorno, devono essere ripristinate come giustamente dice il sindaco di Treviglio. Ma io chiedo anche che lo stesso comune di Treviglio faccia qualcosa od insista perchè sia istituito regolarmente un servizio tra le due stazioni della cittadina.ArnaldoSpett. Redazione,sono la Rappresentante del Comitato Pendolari e Viaggiatori Italiani. Bisogna scrivere e spiegare il motivo dei ritardi: tutti i ritardi nel nodo milanese sono iniziati nel 1932 data in cui vennero demolite la cintura ovest e il passante storico.E’ normalete che con l’aumento delle linee ferroviarie e dei treni sulla cintura Nord, tutta la rete ferroviaria rissente. Pertanto urge ripristinare:A) Secondo Passante (GARIBALDI/PM GHISOLFA-ROMOLO/PORTA GENOVA)B) TAV in PIAZZALE DELLA REPUBBLICA e unione di tutte le linee ferroviarie in piazzale della Repubblica (ORIGINARIA STAZIONE DI MILANO CENTRALE VECCHIA) Rubina T.Circa 200 Km: Milano-Bologna: poco meno di un’ora.70 km (20 sulla linea Bergamo-Brescia, 50 sulla linea Bergamo-Milano): due ore all’andata; due ore e quaranta minuti al ritorno.Totale: quattro ore e quaranta minuti di viaggio, per andare in università a Milano per assistere a quattro ore di lezione. Non è giusto penalizzare i pendolari, lavoratori e studenti, che con il nuovo orario si vedono eliminate tutte le coincidenze della tratta Milano-Bergamo-Brescia. Quanto tempo sprecato inutilmente. Spero che il nuovo orario venga rivalutato. CristianSiamo ormai abituati alle bugie croniche di FS sui ritardi dei treni, ma quando leggo la scheda dei ritardi e disservizi odierni (15/12 ndr) preparata da Regione Lombardia (che dovrebbe controllare ed eventualmente sanzionare tali disservizi) rabbrividisco!L’unico treno in ritardo per Milano sarebbe stato quello delle 8.02 con 10 minuti di ritardo!!! IL SITO DELLE FS INDICA 16 MINUTI DI RITARDO (e sono misurati a più di un chilometro dalla stazione). Il treno che ho preso io alle 12.47 è arrivato in orario a Lambrate (57 minuti per 50Km: sembrava il trenino delle bambole. Ci superavano i pensionati in bicicletta!) ma in ritardo in Centrale.E poi non si parla dei ritardi della via Carnate, e dei treni che vengono da Brescia, ...E dei treni della sera: ho preso il treno che parte alle 18.10 da Milano Centrale, in ritardo di 10 minuti. Sostituisce, nelle intenzioni di FS - avendo lo stesso numero, il treno che partiva alle 18.20 e che era pieno all’inverosimile con gente in piedi fin da Lambrate se non da Centrale.Avevamo detto che l’orario di questo nuovo treno era sbagliato, che molti lavoratori non avrebbero potuto prenderlo per orari di ufficio. CI hanno detto di non preoccuparci: il treno a Lambrate era semivuoto e questo vuol dire che centinaia di pendolari hanno dovuto prendere il treno successivo e quindi arrivare a casa 40-45 minuti più tardi: GRAZIE FS, GRAZIE ASSESSORE CATTANEO.Salvatore V. del CPBSono un “habitué” del 2614 in partenza da Bergamo alle 6.58 – io salgo a Verdello alle 7.06 – e fino a venerdì 12 uscivo di casa alle 6.45 per arrivare alla Centrale alle 7.55 (5’ di ritardo, quando non sono 10), viaggiando spesse volte in condizioni vergognose: caldo torrido o gelo polare, finestrini rotti, sedili sozzi, ma sozzi che penso anche le bestie una volta annusati preferiscono stare per terra! –c’è solo da scegliere dove e come si vuole viaggiare.Cose da pazzi, in un Paese che fa parte dei G8 o dei G20! Da oggi, 15 dicembre, è cambiato solo l’orario e in peggio: esco di casa alle 6.30 per arrivare, come stamane, con il puntuale ridardo di 5’ minuti. Il ritorno, sarà senz’altro diverso. Ve lo racconterò domani. Abbiate anche voi pazienza, come ce l’abbiamo noi. Una domanda: chi detiene il potere decisionale in materia di orario pendolare, come raggiunge il proprio posto di lavoro?Grazie per la risposta. Francesco G.Sono (purtroppo) uno dei tanti pendolari "ostaggio" delle Ferrovie da parecchio tempo invece che utente/cliente come dovrebbe normalmente essere. Le dichiarazioni dell’ AD Moretti che ho trovato sul vs. sito oggi (e che riporto) sono lo specchio della situazione non solo di questo lunedì, ma di tutti i lunedì, martedì, mercoledì etc. della settimana e di tutto dell’anno; soppressioni continue mascherate addirittura da ritardi, sovraffollamento, sporcizia, richiesta di aumenti, mancanza totoale di coordinamento, pressapochismo e scuse inaccettabili.E nonostante tutto questo sia stato più volte fatto sempre presente nel corso degli anni dalle varie Associazioni ASSOLUTAMENTE VOLONTARIE di pendolari di tutta la Lombardia adesso ci si finge sorpresi? Ridicolo ed inaccettabile!Saluti Luca B.Buonasera! Devo segnalare comunque, cosa che non vedo scritta da nessuna parte, che gli orari da treviglio centrale a milano lambrate sono invece decisamente migliorati! Per esempio, nella fascia di partenza tra le 7:20 e le 8:30, siamo passati da 5 treni di un anno fa, ai 6 fino l’altro ieri, ai 10 attuali, di cui tra l’altro quattro con un tragitto di max 20min.npSottoscrivo, un treno di quattro carrozze strapieno di gente accalcata alle porte e coincidenza persa a Bergamo è davvero troppo. E dopo la sosta di mezz’ora a Bergamo altro viaggio con partenza e arrivo in ritardo, in condizioni pietose. Se è stato uno scherzo, non l’abbiamo capito.Gabriele A.Ciao a tutte le “vittime” del nuovo orario dei treni,scrivo da Verdellino e unisco il mio amaro commento a quello del papà, Giancarlo B., che si lamenta perché il figlio (che frequenta una scuola vicina alla stazione di Bergamo) è costretto ad uscire di casa prestissimo per prendere il treno a Verdello delle 6.46.. anche mia figlia e le sue compagne devono subire lo stesso “trauma”, infatti il treno successivo passa dopo un’ora quando ormai è troppo tardi… Problemi anche per il ritorno! Il treno delle 14.00 da Bergamo non esiste più e c’è un treno ogni ora dalle 11.47: ciò vuol dire che dovrò chiedere il permesso di uscita anticipata da scuola altrimenti mia figlia rischia, per pochi minuti, di restare in giro per un’ora!Ma anche io sono una pendolare da vent’anni: prima verso Bergamo e adesso verso Milano. Con il nuovo orario prendo il treno delle 6.57, anticipato di 10’ ma con arrivo in Centrale sempre alle 7.50 (ora fa tutte le fermate..), soggetto a maggiori ritardi rispetto a quelli già usuali proprio perché fa tutte le fermate della tratta; ma oltre questo primo disagio ho anche quello del ritorno: il treno delle 12.20 da Milano Centrale per Bergamo è stato annullato! Gli altri che esistevano ogni ora dalle 11.15 in poi sono stati anticipati di 10’ ma sono rimasti, QUELLO NO. Leggendo i vari commenti su tutte le tratte.. mi convinco sempre di più che le variazioni di orario siano state “partorite” da una mente a dir poco GENIALE. Antonia D. Gentilissimo Assessore Cattaneo,il 28 Novembre abbiamo visto degli orari che sono stati poi approvati il giorno seguente.Perchè quegli orari, che dovevano essere definitivi, in realtà sono stati cambiati a giochi già fatti?Perchè la Regione non si è imposta bloccando quelle variazioni che, per la bergamasca, hanno portato notevoli disagi?Perchè l’ing. Dell’Acqua il 10/12 scriveva all’ass. Chiorazzi "Le confermo che è quasi risolto anche il problema del 7.02 da BG di cui abbiamo parlatostamattina: partenza da BG alle 7.00 con fermate Cassano d’Adda e Melzo" quando quelle fermate (CASSANO E MELZO) non erano presenti nel progetto firmato il 28 Novembre?E perchè la Regione non ha preso provvedimenti quando Trenitalia ha deciso, sempre dopo il 28 Novembre, di allungare i tempi di percorrenza del treno che parte alle 7.32 da Bergamo?Le ricordo che nel progetto del 28 Novembre tale treno doveva impiegare (senza fermate intermedie) 19 minuti tra Treviglio e Pioltello ( già ampiamente criticabile come tempo di percorrenza vista la velocità media di circa 60 km/h); magicamente Trenitalia ha deciso di allungare i tempi fino a portare tale tragitto a 28 minuti. Se la matematica non è un’opinione 28 minuti per fare 20 km equivalgono a circa 40 km/h.Se il risultato di questo "giochetto" era quello di far arrivare i treni in anticipo ci sono riusciti, stamane quel treno ha recuperato 9 minuti tra Treviglio e Pioltello ed è rimasto fermo per ben 6 minuti prima di ripartire per Lambrate.Chiedere il rispetto degli impegni sottoscritti è sicuramente un gesto lodevole ma purtroppo, ad oggi, i fatti ci raccontano di una serie lunghissima di disservizi che francamente era evitabile.CordialmenteFrancesco GrazianoComitato Pendolari BergamaschiEgregio Sig. Graziano,    La informo che, in raccordo con gli uffici di Regione Lombardia, sto personalmente monitorando l’evolversi della situazione e ho già manifestato tutto il mio dissenso per i disservizi odierni ai vertici regionali di Trenitalia ai quali ho chiesto il rispetto degli impegni sottoscritti recentemente e l’assunzione di immediati ed idonei provvedimenti.   Mi chiedo quale sarebbe il mio non far nulla di cui sono accusato.   Nel ringraziarla per la sua segnalazione, Le assicuro che mi sto dedicando a questo tema con la stessa attenta decisione con cui mi ha visto durante i tavoli di confronto in Regione Lombardia svolti nelle ultime settimane, a cui anche lei ha partecipato.   Cordialmente   Raffaele CattaneoAssessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione LombardiaGli ultimi tagli ai collegamenti ferroviari da treviglio per bergamo sono stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.Siamo in una situazine da terzo mondo.Hanno raddoppiato il binario dopo 30 anni dipromesse tra bergamo e milano e il treno ci mette piu’ di prima.La Brebemi e la pedemontana continuano a rinviarle.Tangenziali e bretelle non si fanno(il Comune rifiuta i fondi europei).Per le valli hanno aperto una galleria dopo 30 anni.Ma i nostri politici contano cosi’ poco?Possibile che ne’ in regione ne’ a Roma qualcuno faccia qualcosa?Se non sanno ottenere risultati si dimettano A. CarrettoEcco la cronaca dei pendolari della DIRETTRICE 17 (MILANO VENEZIA per i non addetti ai lavori) nel primo giorno di entrata in vigore del nuovo orario ferroviario, orario che ha visto come sappiamol’ingresso sulla linea di treni EUROSTAR (in realtà gli stessi Intercity di prima rinominati Eurostar City) che di fatto come avevamo previsto hanno rivoluzionato negativamentetutto il traffico pendolare regionale e sulla nostra direttrice. Di fatto le principali novità che ci siamo ritrovati questa mattina alla stazione di Brescia si riassumono in TRE righe: - SERVIZIO REGIONALE DIMEZZATO ( con il nuovo orario la composizione dei treni regionali è stata dimezzata)- SERVIZIO TRENI EUROSTAR (Intercity taroccati) del tutto inesistente e non affidabile - DA DOMANI SI VA TUTTI A MILANO IN MACCHINA,  MAGARI FACENDO TAPPA DAVANTI AL PIRELLONE…GIUSTO PER UN SALUTO… - Il treno delle 6,52 E’ STATO DISTRUTTO!!! Questo treno sino a ieri era composto da 11 vetture 9 di 2° classe e due di 1° classe; ora è composto da materiale vecchissimo con la vetture che si sono ridotte ad un terzoDA 11 VETTURE SIAMO PASSATI A 4 VETTURE di 2° classe che parte già pieno da Brescia, inutilizzabili per l’utenza dei comuni dopo Brescia, le vetture sono una diversa dall’altra,raffazzonate in qualche modo e puzzano da far schifo…(invitiamo la stampa osannante la nuova rivoluzione ferroviaria di questi giorni a salirci magari insieme al dott. Moretti)Ricordiamo a TRENITALIA e REGIONE LOMBARDIA che ci era stato assicurato che la composizione dei treni regionali rimasti non sarebbe stata peggiorata…così non è stato!!!QUESTA E’ UNA VERGOGNA OLTRE CHE ESSERE UNA TRUFFA BELLA E BUONA NEI CONFRONTI DELLA REGIONE LOMBARDIA E DEIPENDOLARI A CUI SI AUMENTANO LE TARIFFE (ANCHE REGIONALI) PER IL TRASPORTO E CONTEMPORANEAMENTE SI PEGGIORA LO STATO GIA’ SCHIFOSO DEL SERVIZIO!!! - Il treno delle 7,27 E’ ARRIVATO CON UNA COMPOSIZIONE RIDOTTA RISPETTO AL PRECEDENTE 2088 E CON SOLO 1 CARROZZA DI 1° CLASSEMateriale di recupero… Numerose le carrozze con porte non funzionanti e impianto di riscaldamento spento o anche questo non funzionante…Chi è salito a ROVATO era già in piedi nei corridoi, a Treviglio si sono riempite le piattaforme qualcuno è rimasto a piedi ad aspettare il treno successivo per l’impossibilità fisica di salire.Come da previsione alla fermata di PIOLTELLO non è sceso ne salito NESSUN VIAGGIATORE, veramente un’altra decisione strategica…complimenti vivissimi!!! - Il treno delle 7,33 E’ ARRIVATO CON UNA COMPOSIZIONE RIDOTTA RISPETTO AL PRECEDENTE MINOR NUMERO DI CARROZZE MINORI POSTI A SEDERE, qualche fortunato salito a Chiari per primo ha potuto sedersi, da Chiari a Milano altro viaggio allucinante tra fermate in mezzo alla campagna e in stazioni fantasma Pioltello da cui anche da questo treno non è salito o sceso nessun viaggiatore… NON C’E’ COINCIDENZA CON IL PASSANTE… - EUROSTAR delle 7,40 CHI L’HA VISTO??? Il nuovo treno che avrebbe dovuto risolvere i problemi di Brescia è arrivato a Milano con 197 minuti di ritardo mentre il successivo EUROSTAR viaggiava con 40 minuti di ritardo…Treno ES 9702 Partenza da BS 7:40 -> Partenza Effettiva 10:29, arrivo MIlano Centrale 11:42 (197 min ritardo) Tempi Stimati, il treno è ancora a Lambrate alle 11:33Treno ES 9704 Partenza da BS 8:09 -> Partenza Effettiva 8:53, arrivo Milano Centrale 10:01 (66 min ritardo) A questo punto ci viene il sospetto di essere stati invitati per oltre un mese ad una trasmissione televisiva…, uno strano REALITY con protagonisti I FESSI DEIi pendolari a cui di volta in volta veniva promesso di tutto e di più dall’interlocutore di turno… Così parlò Regione Lombardia e Trenitalia:- Vi togliamo i regionali… ma non preoccupatevi avrete i nuovi Eurostar (si nuovi…, Intercity dipinti da Eurostar)- I regionali saranno più lenti…, non lamentatevi avrete la possibilità di salire sugli Eurostar (Stessi Intercity di prima che costano il doppio)- Non vi preoccupate i treni regionali che rimangono non verranno in alcun modo ridotti nella loro composizione che già oggi sappiamo essere insufficiente…- Dovreste essere contenti, con una modica cifra aggiuntiva (di cui ancora non sappiamo l’entità) potrete utilizzare gli Eurostar treni più belli rapidi ed efficienti (…si ma assessore guardi che sono sempre i soliti Intercity di prima con le porte e i cessi rotti che ora si chiamano Eurostar…, l’unica differenza e che costano il doppio…) E adesso???Chi paga per questo disastro???Le decine di migliaia di lavoratori e studenti che questa mattina non sono arrivate al lavoro e in università a chi devono chiedere i danni???I treni Regionali sono stati distrutti, ridotti nel numero delle carrozze, allungati i tempi di percorrenza, materiali vecchi e puzzolenti in disuso presi da qualche deposito del terzo mondo…Gli Eurostar (Intercity di prima riclassificati con prezzo raddoppiato) che nessuno voleva tranne TRENITALIA SOLO PER FARE CASSA, scopriamo che non ci sono…Questa mattina uno è stato soppresso, l’altro è arrivato a Milano con 66 minuti di ritardo… Per quanto ci riguarda l’accordo firmato tra Regione e Trenitalia da quest’oggi è carta straccia… Di sicuro questa volta non si resta a guardare l’ennesimo sfacelo facendo finta di niente…  Un saluto Paolo RiviASSOCIAZIONE PENDOLARI IN ORARIO sez. di BresciaEgregio Signore, La informiamo che l’ Assessore Cattaneo, in raccordo con gli uffici di Regione Lombardia, sta personalmente monitorando l’evolversi della situazione e ha già manifestato tutto il suo dissenso per i disservizi odierni ai vertici regionali di Trenitalia ai quali ha chiesto il rispetto degli impegni sottoscritti recentemente e l’assunzione di immediati ed idonei provvedimenti. Nel ringraziarla per la sua segnalazione le garantiamo il massimo impegno e la più alta attenzione per contribuire alla soluzione di questi problemi. CordialmenteSegreteria Assessore alle Infrastrutture e Mobilità Dott. Raffaele CattaneoHo letto la versione web dell’eco che cita una mail su tutte a riprova della via crucis di oggi per andare a lavorare a milano.temo che la situazione sia pen peggiore: ve la racconto.albano s. alessandro: il treno deve arrivare alla 7.14, invece arriva alle 7.25. arriva a seriate dove, panico, ce n’è un altro fermo in attesa: speriamo che ogni giorno dia la precedenza al mio, altrimenti siamo finiti.arriva a bergamo dopo le 7.32: il treno per milano è andato: non può aspettare. Reclamare altrove, a Bergamo i signori ferrovieri dicono di non poterlo fermare per aspettare quello proveniente da brescia. consigliano di prenderne uno via carnate, che arriva a garibaldi: per favore, lo sanno tutti quelli che li hanno provati che quelli non sono treni, sono tradotte da tempo di guerra!PRIMA RIFLESSIONE: ma se fino a ieri ne avevo uno diretto da albano a milano, perchè adesso non ne ho nemmeno uno che aspetta 5 minuti ? Che ho fatto di male?alle 8.02 ne parte un altro (il solo prima delle 9) per la centrale, ma, sorpresa, non parte da bergamo, ma arriva a bergamo da lecco stracarico di persone e di qualche minuto di ritardo: finchè la gente scende e sale, se ne vanno altri minuti.parte e arriva a centrale alle 9, mentre era previsto per le 8.45.però a lambrate ho avuto il piacere di veder sfrecciare la freccia rossa.SECONDA RIFLESSIONE Chiudo con questa considerazione: non so che mi attende stasera, ma di certo da quando mi è suonata la sveglia a quando sono entrato al lavoro, alle 9.20, sono passate TRE ORE.ANTONIO DI MARCO PIZZONGOLOvice direttore sede inps di milano per otto ore al giorno pendolare per altre seiBuongiorno,con i nuovi orari , con la soppressione della fermata a Treviglio Ovest dei treni veloci da Milano e Bergamo, mi chiedo perchè non si proceda alla soppressione della stazione. Alla faccia della mobilità sostenibile. Voglio ricordare che solo CON ALTE FREQUENZE DELLE CORSE, VELOCITA’ si sposta traffico dalla strada alla ferrovia. Queste erano le promesse del raddoppio e del quadruplicamento. Questo è il prezzo che Treviglio ha pagato in termini di deturpazione del SUO TERRITORIO, per avere in contropartita treni che non fermano più a Treviglio OVEST.HA SENSO COSTRUIRE IL NUOVO PARCHEGGIO DI INTERSCAMBIO A TREVIGLIO OVEST?NON SPRECHIAMO ALTRE RISORSE PUBBLICHE E UTILIZZIAMO LA MACCHINA PER RECARCI A BERGAMO. Mi auguro che il Sindaco di Treviglio intervenga pesantemente con tutta la giunta per richierdere di rispristinare le fermate di tutti i treni da e per Bergamo Grazie EnzoL’Assessore regionale Cattaneo aveva tentato di coinvolgere nel fallimento della trattativa con Trenitalia sui nuovi orari, anche i comitati dei pendolari bergamaschi. E ci era riuscito, mettendondoseli accanto durante le trattative. Oggi i rappresentanti dei pendolari denunciano con forza ai partiti politici l’inadeguatezza dei risultati che sono tali da peggiorare addirittura la situazione del 2008 e degli anni precedenti. Purtroppo si era già capito tutto prima. Dopo la riunione del 10 ottobre del comitato di vigilanza sull’accordo di programma per i lavori del raddoppio Bergamo/Treviglio, avevo rilasciato un comunicato in cui esprimevo la certezza del fallimento. In quel comunicato di cui i giornali avevano dato notizia nei giorni successivi al 10 ottobre, fra le altre cose dicevo che:- non sono stati conseguiti i quattro obiettivi che l’Accordo di programma si proponeva di conseguire e per i quali erano stati destinati i 50 milioni di euro del progetto Malpensa 2000 e, cioè, diminuire i tempi medi di percorrenza sulla tratta ferroviaria BG-MI, raddoppiare il numero dei treni in servizio, inserire tre nuove fermate ad Arcene, Stezzano e Levate, e diminuire i tassi di affollamento delle carrozze in esercizio;- i tempi medi di percorrenza dei treni sulla tratta sono aumentati rispetto al 2001 e che sono peggiorate le situazioni di affollamento delle carrozze utilizzate.Ma, soprattutto ed alla luce di quanto accade oggi, aggiungevo che "i partiti politici della provincia si stanno completamente disinteressando di una questione di cattiva amministrazione dei soldi pubblici che si è rivelata un fallimento e che ha determinato ingenti sprechi". Lo aggiungo con maggiore forza oggi, così come con maggiore forza invito i partiti politici della provincia a ragionare obiettivamente su quello che sta accadendo ai nostri trasporti ferroviari, mettendo a nudo responsabilità, errori ed inerzie. Non tanto per denunciarle, ma per indicare strade diverse a chi, avendo la responsabilità della soluzione dei problemi, insiste invece nel considerarsi esente da colpe. Michele LuccisanoSindaco di ArceneCi terrei anche a segnalarvi che l’allungo FOLLE tra Treviglio e Pioltello del treno delle 7.32 da Bergamo crea solo danni. Oggi tale treno è partito con 3’ di ritardo da Treviglio ed è arrivato con 6’ di anticipo a Pioltello, dove ha ovviamente dovuto aspettare per ripartire. Quindi ha recuperato 9 minuti. Proprio quelli che erano stati allungati. Assolutamente sleale cambiare gli orari dopo averli ufficializzati e assolutamente imbarazzante il "non far niente" della regione, non mi stancherò mai di dirlo!Assessore Cattaneo, si ricorda le SUE parole "sì ma con questa giunta è tutto diverso"??? Meglio non commentareFrancesco G., Comitato Pendolari BergamaschiVada anche il nuovo orario, se fosse veritiero. Calusco d’Adda, treno per Milano via Carnate delle 6,43 soppresso, attendo pazientemente il treno dell 6,55 (penso, per fortuna ce n’è uno subito dopo) e dopo poco l’annuncio: anche il treno delle 6,55 è soppresso. Come è possibile che due treni siano soppressi per guasto tecnico il lunedì mattina all’alba? Se questo è l’inizio...Elena V.Caro Simone, Temevo tanto si dovesse verificare una situazione del genere e stamattina mi sono alzata all’alba per prendere il treno delle 5.57 a Grumello (comunque arrivato in ritardo di 5 minuti) perché non potevo rischiare di non arrivare in orario al lavoto e soprattutto ho voluto evitarmi la prima arrabbiatura della settimana. Ma ti meravigli? io davo per scontato che non avremo preso il riscontro delle 7.32. 3’ e non vi hanno aspettato? normale, i treni devono partire in orario, ma non arrivare puntuali.. tanto sai c’è sempre quello dopo... Hai aspettato mezz’ora a Bergamo il treno successivo? ma qual’è il troblema? ma tu davveri lavori? non è che vai a Milano così, tanto per vedere il Duomo, il Castello Sforzesco o la Pinacoteca di Brera? E davvero la gente era in piedi già da Chiuduno? e davvero la gente non è riuscita a salite a Seriate? con solo 4 carrozze? (preparati che fra poco ridiventeranno 3... ti ricordi la famosa carrozza fantasma???).Tutto questo è molto strano. Noi che non siamo di Trenitalia e della Regione sappiamo che l’utenza è aumentata del 30% e ci chiedevamo proprio che treno ci avrebbero assegnato. Bella Santa Lucia, veramente. Bene, io ti dico solo una cosa: siamo tornati indietro di tre anni. Non ho intenzione di ricominciare a fare le mie battaglie contro i mulini a vento e :1. Ricominceremo a viaggiare in condizioni di assoluta insicurezza;2. Ricominceremo a perdere i "riscontri" e a vederci sbattere le porte in faccia. Qui, anziché progredrire si regredisce. Male .... spero solo che altri si lamentino perché fino adesso siamo solo i soliti...... anche se tutti hanno beneficiato delle nostre piccole "conquiste", a furia di mails e di riunioni in Regione e con Trenitalia.Che l’unione faccia la forza sarà banale, resta comunque vero. Una domanda a Trenitalia e a Regione Lombardia: ma volete far morire la BS/BG... perché in queste condizioni è ovvio che la gente prenderà la macchina. Anzi, tutti quelli che utilizzano la via Carnate, l’hanno già ripresa, sapete com’è: dopo una giornata di lavoro, dovere aspettare a Bergamo 58’ il riscontro per Brescia non è entusiasmante. Anzi, vedere che il treno è appena partito per Brescia, quando tu arrivi a Bergamo ti fa veramente vedere i sorci verdi. Pregasi ritarate l’orologio" della stazione di Bergamo perché così non va, assolutamente! Si stava decisamente meglio quando si stava peggio. Christiane G.Comitato Pendolari bergamachiInoltro la mail che ho scritto al Sindaco stamane. Egr. Sig.ra Sindaco, grazie alla sua disponibilità, a quella dell’assessore regionale e di Lega Ambiente abbiamo ottenuto questo primo e significativo risultato. Ora è necessario non abbassare la guardia e proseguire questa azione, fino a quando Trenitalia non tornerà ad incontrare istituzioni e comitati pendolari (non solo quello di Bergamo) per rivedere il piano orari ed altre problematiche. Le questione da affrontare sono molte: 1) garantire a chi deve essere obbligatoriamente a scuola o sul posto di lavoro un treno che arrivi a Bergamo entro le 7.40-7.45.2) garantire il rientro degli studenti alle 13.17 con un treno e non un Bus come da attuale orario ufficiale.3) garantire un adeguato numero di carrozze e la loro pulizia. A tal proposito la invito a organizzare un viaggio con noi sul treno delle 7.30 per "apprezzare" la qualità del servizio offerto, ovviamente accompagnata da un giusto numero di giornalisti che possano documentare. Avremo occasione di poter discutere più approfonditamente problemi e soluzioni anche con altri rappresentanti spero presto. La ringrazio ancora a nome di tutti e le auguro una buona giornata. Alberto A.Primo giorno del nuovo orario e da Rovato le prime sorprese...o conferme di quanto già annunciato dai pendolari: Regionale 10616...partenza da Brescia 6.52 con materiale, diciamo, "vecchio" e come tale poco pulito, freddo e con una carrozza completamente al buio. Vista la composizione del treno, 4/5 carrozze, come un treno locale, e l’affluenza di pendolari, come il precedente ex-IR, il treno a Chiari era già completamente saturo, molte persone già in piedi. Da Romano tutti i passeggeri si sono dovuti accontentare solamente di un posto in piedi!!! Arrivo a Lambrate con 5 minuti di ritardo. Nuovo EuroStar delle 7.40 viene SOPPRESSO, (9702) - Nuovo EuroStar delle 8.09 matura 25 minuti di ritardo.. (9704) - Regionale (ex-IR) 2088...a Rovato risulta imprendibile...grazie alla soppressione/ritardi dei due ES, citati sopra, risulta overflow...ovviamente invece di arrivare velocemente a Lambrate perde tempo prezioso in una stazione inutile come Pioltello, visto che il passante è 25 minuti dopo.... Regionale 10610.....sorpresa!!!! soppresso..... Regionale (ex-IR) 2092....arriva in ritardo a Romano...ovviamente anche questo treno "PIENO" .... e per mantenere le promesse a chi paga di più...ES... è rimasto fermo in attesa che passassero quelli in ritardo!!!!L’inizio è a dir poco DISASTROSO....vedremo stasera con il rientro.... Grazie per l’attenzione, Stefano B.Buongiorno, scrivo per segnalare gravi disagi verificatisi oggi 15/12/2008 con l’introduzione dei nuovi orari 2008-2009. Il mio viaggio ha inizio a Grumello del Monte e termina a Milano Lambrate. Ho preso il treno 4908 in partenza da Grumello alle 07:04; il treno è partito alle 07:11. Questo treno va a sostituire due treni presenti nel vecchio orario: quello in partenza da Grumello alle 06:45 (diretto a Milano P.Ga) e quello in partenza alle 07:19 diretto a Milano Centrale. I due treni citati erano composti entrambi da 7 carrozze, 14 in totale. Sul treno delle 07:19 vi era sempre gente in piedi a Seriate. Il "nuovo" 4908 è composto da 4 carrozze: la gente è rimasta in piedi già da Chiuduno!Ad Albano eravamo già stipati come sardine, non sono convinto che a Seriate siano riusciti a salire tutti. Il treno 4908 sarebbe dovuto arrivare a Bergamo alle 07:25 dove mi avrebbe dovuto permettere di prendere il treno 10804 in partenza da Bergamo alle 07:32. Il 4908 è invece arrivato alle 07:35 ed il 10804 era ovviamente già partito. Se avessi preso il 10804 sarei dovuto arrivare a Milano Lambrate alle 08:23. Ho dovuto attendere il treno successivo con fermata a Milano Lambrate cioè il 2608 in partenza alle 08:02; il 2608 è partito alle 08:11 ed è arrivato a Milano Lambrate alle 08:52. Rispetto all’arrivo previsto 08: 23 sono dunque arrivato alle 08:52 cioè con 29 minuti di ritardo.Ho impiegato 108 minuti per fare 62 Kilometri. La velocità media è stata di 34Km/h. Ricapitolando:- da 14 carrozze (su due treni) siamo passati a 4 carrozze - da un treno diretto per Milano siamo tornati al meccanismo delle coincidenze, alla prima mattina è già saltata la coincidenza!Spero tanto che questa sera al ritorno e da domani in poi le cose vadano meglio; peggio di così è molto difficile: non so cosa altro potreste inventarvi!un saluto, SimoneAss. Cattaneo e Dir. Martini, alla riunione del 28 novembre vi avevo segnalato il problema che il treno in oggetto andava a sostiuire due treni da 14 carrozze si era detto prendiamo atto e faremo le opportune verifiche affinchè non ci siano problemi nella composisione.....Vi ricordate sono passati pochi giorni .......oggi 15 dicembre leggete la mail che vi ho riportato e che vi ha inoltrato un collega pendoalre ..... RIBADISCO IL CONCETTO FORSE NON AVETE CAPITO PER CHI PROVIENE DA BS E PROSEGUE PER MILANO PER CHI VA A SCUOLA A BG O LAVORA A BG E’ L’UNICO TRENO ACCESSIBILE DOVETE RIBADISCO DOVETE MODIFICARLO SUBITO METTENDO ALMENO UN PIANO RIBASSATO DA 8 CARROZZE NON POTETE NON DOVETE COSTRINGERE LA GENTE A VIAGGIARE CONTRO LE PORTE CON GRAVI RISCHI PER LA SALUTE.VOGLIAMO CHE QUESTO TRENO IL 4908 CAMBI MATERIALE DA SUBITO.Come al solito avete toppato su tutta la linea per due mesi vi abbiamo detto che gli orari così studiati avrebbero creato molti disservizi siamo solo al primo giorno e con voi non c’è mai fine al peggio. Resto in attesa non delle risposte via mail ma del treno da 8 carrozze a piano riassato IN FRETTA.Roberto P. del Comitato Pendolari BergamaschiMio figlio per essere al Lussana alle 8 deve prendere con il nuovo orario Il treno a Verdello delle 6,43 e partire da casa alle 6,30. Il raddoppio della linea Treviglio Bergamo e la chiusura della strada tra Verdello e Verdellino a che serve se non ci sono più treni? A manager, banchieri e parlamentari la Freccia Rossa. A studenti e lavoratori le lumache nere.. e sempre di meno.Giancarlo B.Ecco la lettera scritta al sindaco di TreviglioEgr. Sig.ra Sindaco, sono Lucilla P. (abbiamo amoesso per privacy il cognome della lettrice, ndr), pendolare della linea Treviglio-Bergamo e mi voglio associare alle considerazioni esposte dal Sig. Alfieri Alberto nella sua mail (v. sotto), prima di tutto nel ringraziare Lei e coloro che stamattina ci hanno sostenuto ed appoggiato permettendoci di raggiungere Bergamo in treno. Volevo aggiungere solo alcune brevi riflessioni:1) i pendolari della tratta Treviglio-Bergamo sono molto di più di quelli presenti stamattina e le persone-famiglie coinvolte sono molte se si considerano gli interessi sia dei lavoratori che degli studenti; 2) il treno che stamattina si è fermato a Treviglio arrivava da Milano e non era a pieno carico, anzi sembrava sottoutilizzato, per cui può benissimo accogliere anche i pendolari di Treviglio. Penso sia importante che gli attori decisionali coinvolti capiscano l’importanza di non erodere le già scarse alternative all’automobile, in un momento storico che ci invita sempre più a rivedere i nostri stili di vita e ad abbandonare l’auto il più possibile. Ringraziando nuovamente porgo cordiali saluti Lucilla P.Partendo da BS, sono arrivato in ufficio con soli 10 min di ritardo, saltando al volo sul provvidenziale Mantova => Sesto che a Lambrate aveva solo 30 minuti di ritardo.Emilio P.PS. occorre che tutto cambi perchè tutto rimanga +/- come prima ...Facciamo il punto della situazione (tragico-comica?) ES-9702 (in ritardo di 50 minuti), correggo: soppresso!? l’ES-9704 (ritardo di 35 ). Ero sul nuovo 2710 : partenza 6.27 da brescia (romano city alle 6.52): puntuale, buon materiale 11 vetture ex-ir, ho viaggiato seduta, scalo tecnico a pioltello: nessuno è sceso ,nessuno è salito - new10616 (che chiamerò ancora Barbieri Express) : consapevole del fatto che la coperta è sempre troppo corta, quando mi accorsi che il 10616 partiva da brescia immaginavo che ci avrebbero appioppato un gran bel materiale regionale (dopotutto l’ex materiale ora è sul nuovo 2710, anticipato di 30 min.); temevo sia la composizione che la tipologia; , speravo in un doppio piano ma è un ribassato con vetture una diversa dall’altra, una buona dose di puzza.Sulla non fermata di pioltello, sul sito di trenitalia non viene segnalata sui doc pdf si....cmq: vetture dell’anteguerra e spero di aver compreso male: quattro carrozze per ottantaquattro posti....a sedere, è uno scherzo vero?; è giunto in riardo a C.le -il treno 10608 (non ho nessuna notizia, ma immagino che tra brescia e treviglio ci salgano si e no 100 persone, dati i tempi di percorrenza) nei vari orari pdf e cartacei fermava anche a morengo-vidalengo; sul sito sfreccia da Romano a treviglio senza fermarsi, in compenso poi si ferma ovunque; -2088 a Rovato imprendibile!!! parte strapieno da Brescia: l’avevamo detto....- 10610: oggi soppresso- il 2092 oggi oltre ad essere in ritardo a romano dopo aver raccolto tutti (e in piedi: per favore, il vivalto sul quel materiale non ci sta, ditelo ai veronesi) è rimasto fermo per un bel po’ .....cosi che passasseo gli EC..... bruttissima partenza Adele, Comitato pendolari Romano Chiari RovatoConcordo con Dante G. in merito alla segnalazione inerente il treno delle 8.02 da Bg per Milano, il quale, inevitabilmente, partirà sempre in ritardo, primo perchè subordinato all’arrivo puntuale del treno da Lecco previsto alle 7,47 (e sappiamo bene che è sempre in ritardo) e secondo perchè in ogni caso esperienza insegna che occorrono almeno 15 minuti per effettuare le operazioni di ripartenza del treno. Infatti, il treno da Lecco è arrivato circa alle 8 ed è ripartito alle 8.15. Aggiungo, inoltre, che in concomitenza con il treno delle 8.02, sono previsti diversi treni in arrivo e in partenza alla stazione di Bergamo: basta che anche uno solo di questo treni non sia puntuale per generare ancora più ritardo. Questa mattina verso le 8, sul binario n.5 affollato e senza treno ci chiedevamo: "ma dov’è il treno delle 8.02"? Non sarà quello in arrivo da Lecco che notoriamente arriva in ritardo?".."No, dai non possono aver fatto una scelta così infelice..." Orbene è proprio così. Evidentemente Trenitalia non è in grado di prevedere l’inevitabile oppure ignora volutamente le conseguenze dell’inevitabile. LauraPrimo giorno del nuovo orario e da Brescia il -nuovo Eurostar delle 7.40 viene SOPPRESSO, (9702) -il nuovo ES delle 8.09 25 minuti di ritardo.. (9704) -Gli interregionali invece di arrivare velocemente a lambrate perdono tempo prezioso in una stazione inutile come Pioltello, visto che il passante è 25 minuti dopo, ovvero almeno il 2088 potrebbe non fermare, visto che la stessa coincidenza viene garantita dal treno successivo 2090. Vediamo come va il rientro ma le premesse non sono molto buone :(Luca B.Buongiorno, qualcuno gentilmente puo’ spiegarmi come mai di TRE treni DIRETTI che partano da Bergamo via Treviglio Ovest delle ore 07:20 ,07:32 e 08:02 (poi il NULLA) solo 1 ferma a Treviglio Ovest (quello delle 07:32 con sosta di 5 Minuti a Pioltello a questo punto da usare per fare una sosta in piu’ che non guasta ) che come nelle previsioni questa mattina era diventato un carro merci adibito a trasporto animale (mi correggo gli animali sono piu’ tutelati). Forse Treviglio cittadina di 30.000 persone e’ divento un paesino di poca importanza ???? Forse Ferrovie dello Stato e Regione Lombardia stanno incentivando la gente ad andare con la macchina ????? In Italia a differenza del resto del Mondo stiamo spingento la gente ad usare la macchina ???? Colgo l’occasione per porgervi miei piu’ sentiti saluti.Grazie 1000 Marco Z.Io vorrei complimentarmi con Trenitalia e con la Regione Lombardia, e ringraziarli di cuore poichè questa mattina mi hanno obbligato ad usare la mia auto per arrivare al lavoro prima delle 8:00. Sono partito da Crema alle 6:40 e sono arrivato a Bergamo alle 7:50, contribuendo di tasca mia all’inquinamento e al traffico. Grazie cara Regione Lombardia, che ti impegni a 360° nello sviluppo una mobilità sostenibile, che per te significa farmi arrivare al lavoro in circa un’ora e mezza ( Trenitalia prevede ora la partenza da Crema alle 6:52 e l’arrivo a Bergamo alle 8:18) e mi fai tornare a casa alle 18:41 partendo alle 17:32, ma mica con i treni diretti, perchè i treni diretti per Cremona oramai sono superflui. Grazie a tutti e due, che per rilanciare l’Italia pensate che serva solo la Metropolitana d’Italia. Ma soprattutto grazie mille, caro Eco di Bergamo, che ci permetti di far sentire la nostra voce. Antonio Il treno che dovrebbe giungere a Bg da Brescia alle 7.26 è arrivato alla stazione di Bergamo alle 7.35 facendo perdere a tutti la coincidenza con il 7.32 x Milano Centrale. Conseguenza l’attesa fino alle 8.02 (che poi è diventata 8.12). Questa è una situazione imbarazzante e insostenibile, tempo qualche giorno e penso sia il caso di agire con proteste serie.Roberto L.Faccio presente che, se il treno delle 8.02 da BG per Milano viene composto con il treno proveniente da Lecco alle 7,47, sono molto probabili ritardi ricorrenti perché la linea LC-BG è a binario unico (immagino che lo sappiate, ma sembra che ne ignoriate volutamente le conseguenze in termini di ritardi: eppure dovreste avere anni e anni di statistiche in proposito!) Dante G., Comitato Pendolari BergamaschiIl treno delle 8.05 BG-MIC. è partito alle 8.11, esattamente come se gli orari non fossero cambiati. In compenso i vagoni erano stipati all’inverosimile. Fin dalla stazione di Bergamo, le piattaforme erano rigurgitanti come un metro milanese in orario di punta. Sui primi due vagoni mi è stato impossibile salire, ho trovato un varco sul terzo. Non credo di esagerare valutando in almeno 200-300 i passeggeri che hanno viaggiato in piedi, nelle condizioni che potete ben immaginare.Roberto P.Vorrei complimentarmi con la nuova società ferroviaria italiana "FRENItalia" per l’acume con cui ha progettato il nuovo orario invernale: mi auguro che abbiano lanciato in aria le monetine per riuscire a realizzare tale scempio, perchè se addirittura qualcuno di loro ha il coraggio di raccontare che ci hanno pure pensato, credo che i reparti di neurologia degli ospedali italiani avranno parecchio da lavorare in futuro. Ci sono parecchie cose che fanno schifo in Italia, complimenti alle ferrovie, ne forniscono un’ottima rappresentazione. C’è una sola soluzione: sciopero del biglietto!!!!!MarcoVi inoltro la mail scritta al sindaco di TreviglioEgr. Sig.ra Sindaco, Grazie alla sua disponibilità, a quella dell’assessore regionale e di Lega Ambiente abbiamo ottenuto questo primo e significativo risultato. Ora è necessario non abbassare la guardia e proseguire questa azione, fino a quando Trenitalia non tornerà ad incontrare istituzioni e comitati pendolari (non solo quello di Bergamo) per rivedere il piano orari ed altre problematiche. Le questione da affrontare sono molte: 1) garantire a chi deve essere obbligatoriamente a scuola o sul posto di lavoro un treno che arrivi a Bergamo entro le 8.40-8.45.2) garantire il rientro degli studenti alle 13.17 con un treno e non un Bus come da attuale orario ufficiale.3) garantire un adeguato numero di carrozze e la loro pulizia. A tal proposito la invito a organizzare un viaggio con noi sul treno delle 7.30 per "apprezzare" la qualità del servizio offerto, ovviamente accompagnata da un giusto numero di giornalisti che possano documentare. Avremo occasione di poter discutere più approfonditamente problemi e soluzioni anche con altri rappresentanti spero presto. La ringrazio ancora a nome di tutti e le auguro una buona giornata. Alberto A.Buongiorno, questa mattina ho preso, come solito, il treno ad Albano S.A. (linea Brescia -Bergamo) con il nuovo orario anticipato di 20 minuti. Con il vecchio orario il treno proseguiva per Milano centrale ora invece prosegue per LECCO. Il problema è che il treno è stato dimezzato (come numero di vagoni) ma le persone sono sempre le stesse:il treno era strapieno, abbiamo faticato, spingendo, per salire. Non pensavo, quando tempo fa ho abbandonato l’auto per il treno, di finire in questo modo. E’ una vergogna.Enzo M.(15/12/2008)

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags