Giovedì 18 Dicembre 2008

Cosa pensano i pendolari/5 (18e 19 dicembre)

Buongiorno, resoconto della giornata (Venerdì 19 dicembre 2008): Treno 10754 partenza in orario da Terno d’Isola alle h.7.06 arrivo a Monza con 5 minuti di ritardo. Allora voi mi direte: bene Trenitalia stà migliorando è passata da 28 minuti poi a 10 ed ora a 5 minuti di ritardo. I cinque minuti di ritardo sono dovuti al solito problema del passaggio sul ponte di Paderno e il treno si deve fermare a Calusco fino a quando non è passato quello che arriva da Milano. Alla stazione di Paderno il treno era già pieno: considerando che ci sono centinaia di persone da far salire sommando le fermate di Carnate ed Arcore, per evitare di subire altri ritardi noi viaggiatori ci siamo organizzati facendo salire velocemente le persone incastrandole una tra l’altra per far chiudere immediatamente le porte delle carrozze altrimenti altro che 5 minuti di ritardo, almeno 10 se non 15 minuti avremmo raggiunto a Monza. Probabilmente ci deve essere un ingegnere di Trenitalia che stà pensando di far sdraiare i pendolari sul portabagagli delle carrozze per ottimizzare il tutto!!!Treno 10787 partenza alle h.20.21 da Monza in perfetto orario e arrivo in perfetto orario a Terno d’Isola. Allora voi mi direte: bene Trenitalia stà migliorando. Una volta salito ho percorso 4 carrozze ed avevano tutte i sedili vecchi, sudici e sporchi, in alcune il riscaldamento non funzionava, anzi buttava dentro aria fredda, in altre carrozze i pendolari viaggiavano con i finestrini abbassati perchè si moriva dal caldo. Le porte interne erano così vecchie che non si potevano chiudere tutte e quindi si dovevano lasciare aperte tra una carrozza e l’altra. Allora mi sono deciso di fermarmi e di sedermi dopo aver posto sul sedile un giornale: mi sono trovato di fronte un foglio appeso in formato A4 bianco con scritto: "TRENITALIA S.P.A. CHIUSO CARROZZA FUORI SERVIZIO" era un cartello che indicava che la porta per uscire all’esterno era guasta. E’ proprio questo Trenitalia, una S.p.A Fuori Servizio Permanente. Nello scendere a Terno mi sono accorto che solamente l’ultima carrozza in coda era nuova rispetto a tutte le altre. Potevano degnarsi almeno di dircelo sul treno che avremmo potuto trovare una carrozza con luce, pulizia, comodità, riscaldamento degni di viaggiatori che pagano regolarmente un servizio. Grazie Trenitalia. Cordiali saluti Oreste MaestroniRingrazio il Comitato Pendolari Bergamaschi per averci rappresentato.Buongiorno, questa settimana ho sperimentato (con una certa dose di autolesionismo) i nuovi orari ferroviari proposti da Trenitalia per raggiungere Bergamo da Crema. Descrivo la situazione perchè è sconosciuta ai più e paraddosale, al limite della presa in giro e vorrei che fosse chiara a chiunque. Da Crema si parte alle 7,20 per Treviglio Centrale; da Treviglio Centrale a Treviglio Ovest è assicurato un bus che parte alle 7,50; a Treviglio Ovest si prende il Milano-Bergamo delle 8,06 (stipati come sardine!). Tempo di percorrenza totale 1 ora e 10 minuti (in settimana non è mai successo). Anche il percorso in senso inverso è assicurato da 3 mezzi di trasporto: 17,32 Bergamo-Treviglio Centrale 17,50 bus da Treviglio Ovest a Treviglio Centrale; a Treviglio Centrale almeno 25 minuti di attesa per il Milano-Cremona che dovrebbe passare alle 18,17 (finora mai sperimentato).  Quanto evidenziato è la migliore delle ipotesi, tutte le altre proposte prevedono coincidenze a Pioltello, Milano Lambrate o l’uso del pullman fra Treviglio e Bergamo. In tutti questi casi i tempi di percorrenza si avvicinano alle 2 ore. E nemmeno prendo in considerazione l’aspetto ritardi (cronici nel sistema ferroviario).  Com’era la situazione prima del cambio degli orari? Crema 7,50 - Bergamo 8,32;  Bergamo 17,22 - Crema 18,07 Si trattava degli unici due treni diretti su una tratta particolarmente penalizzata, ma almeno esistevano e assicuravano il viaggio in 45 minuti.  E’ evidente che la linea ferroviaria Cremona-Crema-Bergamo - di cui nessuno parla mai - non ha un problema connesso ai ritardi o al materiale rotabile o alla pulizia (magari!!!) è stata di fatto soppressa, nel totale disinteresse dei nostri rappresentanti politico-amministrativi, che mi viene il dubbio non fossero presenti al tavolo tecnico regionale. Solo chi non ha mai viaggiato per lavoro avrebbe potuto avallare un simile orario con il cambio di tre mezzi di trasporto e lo spreco di un’ulteriore ora di viaggio al giorno!  E quindi come ci possiamo regolare? Raggiungendo quotidianamente Treviglio in macchina, è un disagio ma si riduce drasticamente il tempo complessivo di percorrenza e in più si arriva meno stanchi e affannati dai continui saliscendi. Più persone utilizzeranno l’automobile, il traffico aumenterà e la qualità dell’aria peggiorerà, anche grazie ai nuovi bus delle ferrovie VUOTI che collegano Treviglio e Bergamo in circa 1 ora (17 minuti in treno).  E’ da quando ha iniziato a circolare la bozza farneticante degli orari che scriviamo per chiedere informazioni e soprattutto per chiedere di ripristinare i nostri treni, ma NESSUNO HA MAI RISPOSTO! A noi non resta altra soluzione che utilizzare l’automobile, ma non veniteci più a dire che Trenitalia (nota per ingnorare deliberatamente le esigenze dei pendolari), la Lombardia o le altre amministrazioni locali stanno lavorando per migliorare la mobilità a livello regionale!  Cordialmente  Silvia Ida Mariani Crema Soluzione: RIPRENDO LA MACCHINA DOPO ANNI DI TRENO Però l’efficienza delle ferrovie ............... I RICCONI IN 1 ORA ARRIVANO A BOLOGNA............... MEDITATE GENTE MEDITATE Paola GiammarchiIn mezzo a tutti questi ritardi, soppressioni di treni, sporcizia, impossibilità di salire sui treni, mancate coincidenze e chi più ne ha più ne metta, ( e questo la dice lunga sulla disorganizzazione FS ), una nota positiva devo segnalarla; finalmente da Bergamo a Rovato abbiamo un mezzo dopo le 21,07. Ho avuto il piacere di prendere il piccolo bus che parte dalla zona taxi della stazione di Bergamo alle ore 22,20 ( MI497 ) ed arriva fino a Rovato facendo tutte le stazioni, arrivando a Montello-Gorlago in perfetto orario ( 22,55 ). Il pulmino non è ancora molto frequentato, ma sicuramente molto utile. Dopo anni che si chiedeva un treno da Bergamo a Brescia dopo le 21,00, finalmente le FS in qualche modo hanno dato un segnale positivo... Un particolare ringraziamento al CPB che ha pressato ( con tempestive segnalazioni, documentazioni, riunioni ecc. ) fino ad ottenere questo piccolo ma importante risultato. Stefano N.           Ciao, studiando a Brescia, ero solita prendere il treno Lecco/Brescia dalla stazione di Ponte San Pietro: molto comodo proprio perché non dovevo effettuare cambi. Oggi dovevo sostenere un esame alle ore 14 e mi sono recata in stazione per prendere il treno delle 11,45 (novità: non più diretto, ma con cambio a Bergamo). Viene subito annunciato un ritardo di 15 minuti, diventato poi di 25. Per non perdere la coincidenza a Bergamo (in partenza per Brescia alle 12,07), tento allora di salire sul primo treno disponibile da Ponte San Pietro (ore 12,01). Inoltre, chiedo al capostazione se può avvertire la stazione di Bergamo e domandare se "il Brescia" poteva ritardare la partenza di massimo due minuti. Gentilmente lo fa, ma la loro risposta è netta: no. Arrivo comunque a Bergamo con il treno di riserva, corro verso la mia coincidenza... ma questa parte sotto il mio naso (inutile sbracciarsi, le porte erano chiuse). Nessuno sceso dal mio treno è riuscito a salirvi...Resto 1 ora bloccata a Bergamo e arrivo a Brescia alle 14,16... quando il mio esame era già iniziato... Secondo i miei programmi, e quelli delle FS, sarei dovuta arrivare alle 13,06...Un’utente delusissimaSono una pendolare sulla linea Treviglio Milano; sono letteralmente scandalizzata dai continui ritardi dei treni e delle condizioni di sovraffolamento. Ogni volta si fermano a Pioltello con soste per fare passare altri treni rapidi.... Carrozze quasi sempre sporche e sovraffollate. Va bene freccia rossa, ma le ferrovie devono avere riguardo alla folta clientela di studenti e pendolari..... Visto che freccia rossa viene usato solo da pochi eletti.... Bisogna occupare i binari, far capire alla direzione di Trenitalia i gravi errori che hanno fatto... Altro che "amico treno"...... Gemma Cara redazione, sono anni e anni che mi vado a Milano partendo da Treviglio Ovest, dove parcheggio l’auto perchè abito a 10 km da Treviglio. Ora hanno soppresso quasi tutti i treni che fermano a questa stazione (quelli delle 17.20,18.20 e 19.20). Guardando bene l’orario ho scoperto che c’è un treno da Porta Garibaldi che arriva a Treviglio Ovest ed impiega, come da tabella oraria, lo straordinario tempo di 55 minuti!!! LA FRECCIA ROSA DELLA BERGAMASCA: 55 MINUTI PER ARRIVARE A TREVIGLIO dopo quadruplicamento, raddoppio ... Ma in Regione Lombardia qualcuno li guarda gli orari prima di approvarli??? E poi abbiamo il Governatore che parla di "eccellenze" della Lombardia ... ma per favore ... C.Spett.le redazione, usufruisco con una certa continuità delle Fs sulla tratta Treviglio (Treviglio Ovest) - Milano. Definire questa situazione scandalosa è quasi un eufemismo, siamo al paradosso, come si suol dire "una situazione da terzo mondo". Non mi riferisco solo ai disagi costituiti da carenza di igiene e pulizia sui vagoni, ai ritardi ormai endemici e inspiegabili, ora si è giunti alla soppressione di treni senza preavviso. Ma, com’è giusto che sia, abbiamo anche la ciliegina sulla torta: il tanto decantato passante che risolverebbe moltissimi problemi. Quando parte? Perché non parte? A chi imputare (e far pagare) questi ritardi? Personalmente il passante mi risolverebbe tantissimi problemi di trasporto anche perché usando il treno nelle fasce non di punta, ho ancora meno scelta. Comunque Viva le Ferrovie! Lunga Vita alle Ferrovie!.......Massimo FuriaAnch’io sono un povero pendolare, ma della tratta Grosseto - Roma. Se non fosse che la politica dei trasporti è basata sul costipamento della merce umana e sulla ricerca di chissà quali utili aziendali verrebbe da chiedersi per quale ragione il pendolare dovrebbe essere trattato bene da Trenitalia ... è contro ogni logica ... il pendolare sporca i treni, pretend" di essere prelevato all’ora che dice lui, sia in andata che al ritorno, pretende di viaggiare seduto, con l’aria condizionata e, invece di scioperare e protestare, si accanisce a prendere il treno nonostante i maltrattamenti ... ma la vogliamo smettere di parlare male di Trenitalia ? forse si pensa di essere gli unici lavoratori - viaggianti ? Non sono forse lavoratori anche i conduttori di treni .. lerci schifosi e maledetti insieme a tutti gli impiegati delle ferrovie ... poverini, malpagati e spalleggiati da stì zozzi sindacati, in cui si riconoscono e che non riconoscono il pendolare, sempre più impotente .. costretto a mangiare stà minestra affacciato a quella finestra .. non ti chiedono scusa quando il treno ritarda ? Non sei forse fiero di viaggiare insieme alle cosiddette risorse dell’Italia, di essere l’unico proletario rimasto e che non interessa a nessuno ? peccato che non esistono più le sinistre, loro sì che avrebbero risolto i problemi di noi pendolari ma per fortuna c’è ancora chi ci pensa e stavolta è la volta buona sì .. è lui il vero volto della politica ancora populista - popolar - pendularistaEnio F.Anche ieri sera, per la seconda volta in tre giorni, è stato soppresso il treno delle 19.53 in partenza da Bergamo e diretto a Carnate. Ci è toccato aspettare il successivo delle 20.53. Non si sono solo limitati a tagliare molte partenze, ma anche quelle rimaste subiscono cancellazioni senza motivo. Possibile che nessuno risponda di questi disagi? L’ impotenza che ci assale nell’ essere trattati come miserabili, ai quali nessuna spiegazione è dovuta, è frustrante. Il menefreghismo arrogante di questa classe dirigente è assordante, non si riesce più a sopportare… forse è il caso che si cominci anche noi a fregarcene delle regole e dell’ educazione. Smettiamo di pagare come pii bovi l’abbonamento e chissà…? La capiranno? Emanuele M.Rapido monitoraggio mattutinoTreno n. 4908 - Sebbene avete immediatamente provveduto a cambiare la composizione di questo treno con 8 carrozze, rispetto al delirio di lunedì (4 carrozze) la gente continua a viaggiare in piedi. Cio’ vuol dire che l’utenza tra Palazzolo e Bergamo c’è. Vogliamo riqualificare la Brescia-Bergamo e non farla morire? Non mi è ancora ben chiaro quale sia la presa di psoizione della regione in merito.Treno 4910: composizione assolutamente INSUFFICIENTE. La gente viaggia in piedi già da Grumello. Non credo si viaggi in condizioni di sicurezza. Due treni sono stati tolti in orario di punta e le conseguenze del sovraffollamento sono evidenti. A tutti tranne che ai responsabili di Trenitalia. Treno 10804. Treno lumaca: 58’ per percorrere un po’ meno di 60 km sono un’indecenza. L’arrivo è previsto in Milano centrale alle 8.30. Oggi è arrivato alle 8.45, dunque con 15’ di ritardo VERGOGNA! A Lambrate il ritardo indicato era di 5’ (mentre eravamo già a quota 10’). In Centrale non era neanche indicato. Il treno era miracolosamente sparito dai tabelloni degli arrivi. Vorrei sapere perché abbiamo dovuto assorbirci soste interminabili a Pioltello e a Lambrate. Si richiede dunque una velocizzazione di tale treno. In pratica sono arrivata allo stesso orario che con l’ex treno 2618 che però partiva da Bergamo alle 7.49, non alle 7.32 ossia 17 minuti più tardi. Decisamente si stava meglio quando si stava peggio, almeno per i pendolari di serie B, declassati a pendolari di serie D.Christiane GrandinComitato Pendolari Bergamaschiwww.quellideltreno.comOggi ho preso il treno 10762 da Bergamo a Milano P. Garibaldi via Carnate, in partenza alle 8.23. Il treno è arrivato in orario. Tutto bene allora? No, perché il treno è arrivato a Calusco e si è fermato per 5-10 minuti per motivi ignoti. No, perché c’era la gente in piedi da Arcore e 2 carrozze erano chiuse. No, perché il treno ha viaggiato regolarmente IN RITARDO DI 5 minuti fino Sesto S. Giovanni e poi miracolosamente (?) è diventato in orario. Come? Semplice: con il vecchio orario da Bergamo a Milano si dovevano impiegare 57 minuti, ora 64 e i 7 minuti in più sono stati "aggiunti" nell’ultimo tratto. E’ quindi facile recuperare 5 o anche 10 minuti di ritardo e avere delle statistiche migliori! E questa manovra è stata avallata dalla Regione nonostante le nostre proteste. Che questo allungo dei tempi sia stato fatto apposta per questo motivo è stato dichiarato ufficialmente nel corso dell’ultima riunione tenuta in Regione, quella in cui NON abbiamo approvato, ma abbiamo SUBITO i nuovi orari.A proposito di conteggi di ritardi (4 minuti = 0 minuti, 14 minuti = 10 minuti) ho una proposta: applichiamo lo stesso metodo di arrotondamento agli stipendi dei dirigenti FS e di coloro che dovrebbero controllarli (Regione, Governo) e 14000 euro li facciamo diventare 10000 e, visto che ci siamo, anche ai nostri abbonamenti e i miei 642 euro diventano 500.Salvatore V.Anche oggi solito ritardo (tratta BS-BG-MI), oltre a togliere alla linea tutti i collegamenti diretti (ben 8) ed aver eliminato completamente un treno nell’ora di punta, abbiamo anche i treni più lenti. Quarto giorno, treno da Bergamo (7,32) arriva in Milano Centrale con 15 minuti di ritardo. Ancora oggi esco di casa per prendere l’ultimo collegamento con Bergamo, che passa 20 minuti prima del treno che di solito prendevo con il vecchio orario, ma la partenza non incide in nessun modo con il mio arrivo in ufficio, quest’ultimo è rimasto invariato. Ho letto un messaggio da parte di un pendolare in merito al treno 8.02, che dovendo arrivare da Lecco, penalizzando già in partenza l’affidabilità per servire Bergamo, ha suggerito di ripristinare il tragitto di questo treno per come era DIRETTO BS-BG-MI. Questo treno, per noi ad est, era un ottimo collegamento con Milano, oltre ad avere il pregio di garantire anche a Bergamo una maggiore puntualità. L’obiettivo di tutti dovrebbe essere “progredire” e non creare instabilità e disagio anche a discapito della sicurezza, ciò non toglie che errare è umano, l’importante è porre rimedio agli errori, ed io, come molti, resto in attesa della “RIPARAZIONE”!!!MariaLunedi 15/12 il treno 10783 delle 18.03 è stato soppressoMartedì 16/12 il treno 10783 delle 18.03 è stato soppresso Mercoledì 17/12 il treno 10783 delle 18.03 soppressoGiovedì 18/12 il treno 10783 delle 18.03 chissà ????? Jean-Claude P.Siamo allo sbando...la situazione sta decisamente sfuggendo di mano. Non bastano i treni in ritardo di 30’ e passa minuti, le soppressioni e i disagi di questi giorni. Ora siamo passati agli annunci "terroristici" nelle stazioni. Questa mattina, il treno da Milano Lambrate per Piacenza delle 8:12 è stato annunciato come SOPPRESSO...dopo qualche minuto...potenza di Trenitalia...quel treno è arrivato sul binario in perfetto orario.Alcuni pendolari a qul punto però se ne erano già andati sconsolati verso la metropolitana. Non ho parole.In bocca al lupo a tutti per il rientro! Io evito di pensarci.AlessiaBuongiorno, sono una mamma che ha accompagnato la figlia a prendere il treno per Lambrate delle 7,30. ieri è arrivato con 25 minuti di ritardo perchè è lo stesso treno che arriva da Brescia e arrivato a Bergamo si ferma pre ripartire pre Milano e se è già in ritardo nella prima tratta immaginiamoci nella seconda. Oggi 18/12 mia figlia è riuscita a salire sulla carozza meno stipata ma SPORCHISSIMA a dir poco dove anche a stare in piedi si richia di prendere come minimo le pulci! Ora Formigoni e co. non è ora di intervenire drasticamente e non con riunioni programmate 7 giorni dopo? Noi pendolari dovremmo ANDARE ALLA REGIONE E OBBLIGARE FORMIGONI E ASSESSORI VARI A SALIRE CON NOI SULLE CARROZZE e dopo il 07/01/2009 ( cioè quando rientrano dalle vacanze natalizie sia studenti che alcuni di noi) se il servizio non è efficente BLOCCARE TUTTI I TRENI sia locali che alta velocità...A COSTO DI PERDERE GIORNATE DI LAVORO E STUDIO, sino che non risolvono il problema !Giuseppina(18/12/2008)

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags