Mercoledì 20 Febbraio 2013

Da giovedì neve fino a domenica
Palafrizzoni e A2A, piano attivato

L'Amministrazione comunale di Bergamo, in previsione delle nevicate a partire da questa notte e per i prossimi giorni, ha attivato il piano neve. I mezzi A2A saranno operativi per garantire la percorribilità delle strade cittadine e per prevenire la formazione di ghiaccio.

Durante le nevicate l'Amministrazione comunale di Bergamo invita gli utenti della strada a circolare solo se strettamente necessario, con gomme antineve o catene e con la massima prudenza.

Ci prepariamo dunque alla neve e al gelo. Dopo il tiepido sole di martedì, da mercoledì il cielo si è ingrigito. Una nuova ventilazione fredda è arrivata da Nord-Est e nelle prossime ore è previsto un sensibile peggioramento, causato dalla confluenza fra aria fredda continentale russa, mossa dall'anticiclone sulla Scandinavia, e aria più mite e umida richiamata dalla Spagna.

Ne nascerà una depressione mediterranea, che se sarà perturbata ma mite sul Centro-Sud, al Nord dovrebbe far risaltare le correnti fredde orientali che entrano sulla pianura padana, e da qui la possibilità di neve.

La nuvolosità sarà in progressivo addensamento ovunque, e dalla prossima notte la neve dovrebbe fare la sua apparizione. Neve per tutti giovedì, ma più costante sulla parte bassa della provincia, e il tempo invernale si manterrà fino a domenica, con freddo e altre deboli nevicate sparse.

«Il Mediterraneo diverrà zona di contrasto tra una massa d'aria fredda portata dell'anticiclone russo siberiano e quella più umida in arrivo dall'atlantico» spiegano da 3bmeteo.com. Tra giovedì e domenica ci sarà l'apice del maltempo: giovedì un impulso freddo in arrivo dalla Russia entrerà dalla Porta della Bora e porterà nevicate deboli sulla Valpadana centro orientale ed il Triveneto anche lungo le coste dell'alto Adriatico; fenomeni più intermittenti sulla Lombardia centro occidentale specie a ridosso delle prealpi; al Sud invece agirà una perturbazione africana con qualche pioggia ed un rinforzo del vento.

Tra sabato e domenica è prevista un'altra perturbazione. Si formerà un vortice di bassa pressione e sarà neve sulle regioni settentrionali in particolare su Alpi, basso Piemonte, Lombardia sudoccidentale ed Emilia. Un marcato peggioramento interesserà il Centro Sud con temporali, localmente forti tra Lazio, Campania e Calabria.

Le temperature al Nord subiranno un calo anche di 3-5 gradi rispetto agli attuali valori. Al Sud invece, complici i venti di Libeccio e Scirocco, si avrà una breve fase simil primaverile con punte di 18/20 gradi su Sicilia, Calabria e Puglia tra sabato e domenica. «Si tratta di una situazione ingarbugliata, difficile da districarsi in breve tempo - spiega il metereologo Nucera -. Quando un canale di bassa pressione sull'Europa meridionale viene sovrastato da un anticiclone alle alte latitudini molte Nazioni risentono per il freddo e per il maltempo a volte anche duraturo. Per un miglioramento bisognerà infatti attendere la fine del mese».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata