Sabato 28 Marzo 2009

Dalmine, proposta dei privati
per finanziare la gronda

Potrebbero essere dei privati a finanziare il tratto dalminese della gronda di collegamento con il comune di Treviolo. Un’opera ritenuta di fondamentale importanza per garantire il collegamento tra i due comuni a seguito della realizzazione della Tangenziale Sud e di cui da tempo si discute con la Provincia. Inserita nel Piano triennale delle opere pubbliche di Dalmine, approvato a maggioranza dal centrosinistra, parte della gronda potrebbe rientrare in quelle opere che due privati, i quali hanno depositato in Comune una proposta di Piano integrato di intervento (Pii), si impegnerebbero a finanziare per migliorare la viabilità. Si tratta dei titolari dell’hotel Daina e del Gros Market Lombardini di via Provinciale che si assumerebbero il compito non solo di finanziare la realizzazione di una rotatoria lungo la trafficata ex strada statale 525, ma anche parte della gronda. In cambio il Comune di Dalmine dovrebbe permettere a Daina di riqualificare l’albergo e a Lombardini di trasformare l’attuale ingrosso in un centro commerciale.

«Stiamo parlando di interventi in variante al Piano regolatore ma che non vanno a occupare ulteriore suolo», ha chiarito l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Dalmine, Marco Colleoni, il quale ha anche anticipato che questo potrebbe non essere l’unico intervento per migliorare la viabilità, che i soggetti che hanno proposto il Pii dovrebbero finanziare.

La realizzazione della gronda, da diversi anni inserita nel Piano regolatore e per la quale due anni fa è stato firmato un protocollo d’intesa tra i due Comuni e la Provincia, figura già tra l’elenco delle opere pubbliche del Comune di Dalmine del 2009: 2 milioni e 500 mila euro è la cifra che i privati dovrebbero impegnarsi a stanziare nel caso la procedura andasse in porto. La strada ha un’importanza fondamentale perché permette di collegare via Buttaro e via Pio XII raccordandosi direttamente con la strada delle valli. La sua realizzazione permetterebbe di alleggerire il traffico del centro e garantirebbe un collegamento tra i due comuni.

Ulteriori dettagli su L'Eco in edicola domenica 29 marzo

a.benigni

© riproduzione riservata