Deragliamento del treno a Pioltello Attesi i primi avvisi di garanzia

Deragliamento del treno a Pioltello
Attesi i primi avvisi di garanzia

Partiranno a breve, probabilmente già oggi o domani, le prime informazioni di garanzia per gli indagati, tra manager e tecnici della sicurezza di Rete ferroviaria italiana e responsabili di Trenord, nell’inchiesta sul tragico incidente ferroviario avvenuto giovedì a Pioltello e che ha provocato la morte di tre donne e quasi cinquanta feriti.

Intanto domenica sono tornati al lavoro, per completare gli accertamenti su quei 2,3 chilometri di binario interessato dal deragliamento del regionale, gli investigatori della Polfer, con polizia scientifica e vigili del fuoco. Finora sono emerse una serie di anomalie e dubbi sulla manutenzione di un tratto di rotaia.

Gli inquirenti, da quanto si è saputo, aiutati dalla Finanza nella ricostruzione della catena di responsabilità, hanno valutato con attenzione in questi giorni quali figure specifiche delle due società – Rfi per i binari e Trenord per il trasporto ferroviario in Lombardia – iscrivere nel registro degli indagati (disastro ferroviario colposo è il reato ipotizzato), per evitare di inviare informazioni di garanzia «a pioggia». Gli avvisi serviranno agli indagati anche per nominare i propri consulenti difensivi.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 29 gennaio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA