Differenziata, bidoni con il microchip E ad Albino anche caccia ai furbetti

Differenziata, bidoni con il microchip
E ad Albino anche caccia ai furbetti

Sanzioni da 50 a 500 euro per chi non rispetta le regole; sconti per chi segue la buona pratica della raccolta differenziata.

Albino scende in campo con bastone e carota. Dall’anno prossimo, infatti, andranno in soffitta i sacchi rossi (già in passato al centro del dibattito) e scatterà la «tariffa puntuale». Tradotto: più si differenzia, più si risparmia. Il tutto verificato grazie ai bidoni con microchip - che verranno distribuiti a cittadini e utenze - in grado di leggere gli effettivi svuotamenti.

In attesa della novità, è iniziato il giro di vite contro i «furbetti» del sacco. La mappa del rifiuto selvaggio va da via Duca d’Aosta a via Provinciale (altezza Credito bergamasco), passando per la zona Ca’ del Fatur, senza tralasciare la Valle del Lujo.

Si moltiplicano, ad Albino, le segnalazioni dei sacchi lasciati dove capita, senza rispettare le regole della raccolta. Tant’è che il Comune è corso ai ripari, concordando con l’operatore un apposito passaggio in più infrasettimanale, il mercoledì.

L’amministrazione, però, non sta a guardare e ha aumentato i controlli, che stanno già dando i loro frutti. Analizzando i contenuti dei quattro sacchi neri abbandonati in via Provinciale nei giorni scorsi, la polizia locale è risalita al proprietario.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 2 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA