Donizetti, Galgario, Sotto il Monte Chiesti 7 milioni a Fondazione Cariplo

Donizetti, Galgario, Sotto il Monte
Chiesti 7 milioni a Fondazione Cariplo

Serviva l’unanimità, e l’unanimità questa volta c’è stata. Sull’ordine del giorno presentato lunedì 3 novembre dal sindaco Giorgio Gori in Consiglio comunale nessuno ha votato contro e nessuno si è astenuto.

Difficile, soprattutto di questi tempi, non trovarsi d’accordo quando la prospettiva è quella di ottenere finanziamenti per 7 milioni di euro (da Fondazione Cariplo), ma soprattutto l’obiettivo è destinarli a due progetti fondamentali per la città come il restauro del Donizetti e la riqualificazione del dormitorio al Galgario, oltre a una terza iniziativa: il progetto per l’accoglimento di pellegrini e turisti a Sotto il Monte, paese Natale di Papa Giovanni XXIII che, con la recente canonizzazione del pontefice bergamasco, rappresenta quantomeno una questione sovraccomunale.

Dormitorio del Galgario

Dormitorio del Galgario

Se lo stesso ordine giorno – con cui si invita la Giunta a presentare ufficialmente la richiesta di contributi – andrà a buon fine, a fare la parte del leone sarà il teatro con 3,5 milioni di euro, mentre agli altri due progetti andranno rispettivamente 1,5 milioni e 2 milioni.

Il giardino della pace a Sotto il Monte con la statua di Papa Giovanni XXIII

Il giardino della pace a Sotto il Monte con la statua di Papa Giovanni XXIII
(Foto by Bolognini)

«A proposito del Donizetti – ha sottolineato Gori – condividiamo l’impostazione progettuale ereditata dalla precedente amministrazione: la ristrutturazione deve essere accompagnata a un vero e proprio rilancio del teatro che lo ponga al centro del centro. In quest’ottica il Comune ribadisce il suo impegno investendo 1,5 milioni, ma per riuscire a realizzare il progetto nella sua interezza con una spesa prevista attorno ai 18 milioni di euro, è fondamentale che si prosegua in quella raccolta fondi per la quale abbiamo confermato l’incarico a Valerio Marabini, e che aveva già fruttato un milione di euro. Se dovessero arrivare questi altri 3,5 milioni di euro l’obiettivo di arrivare tramite la sottoscrizione a un terzo circa dell’investimento non sarebbe tanto lontano. L’idea è di partire coi lavori nel 2016».

Il giardino della pace a Sotto il Monte.

Il giardino della pace a Sotto il Monte.

Uno dei presupposti affinché Fondazione Cariplo metta a disposizione i 7 milioni – assegnati a ciascuna provincia lombarda per i cosiddetti interventi emblematici durante il mandato della propria Commissione centrale di beneficenza – è la valenza simbolica degli stessi progetti. Requisito di cui dispongono tanto il restyling del Donizetti quanto gli altri due interventi.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 4 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA