È morto il premio Nobel Dario Fo Attore e drammaturgo, aveva 90 anni

È morto il premio Nobel Dario Fo
Attore e drammaturgo, aveva 90 anni

È morto Dario Fo. L’attore e drammaturgo, premio nobel per la Letteratura nel 1997, aveva 90 anni.

Con la moglie Franca Rame, per oltre 50 anni, ha rivoluzionato il mondo artistico italiano. Era ricoverato da 12 giorni all’ospedale Sacco di Milano a causa di problemi polmonari. Ha lavorato e dipinto fino all’ ultimo. Pochi giorni fa aveva fatto nella sua casa milanese una conferenza stampa per il suo nuovo libro «Darwin». Cantore del profano, cioè di tutto quello che sta davanti e fuori dal tempio, della gagliarda corte umana dei miracoli che affolla l’anticamera dell’Inaccessibile, senza potervi entrare se non per sbaglio, di frodo, di striscio.

Fo ha saputo descrivere in modo impareggiabile la meravigliosa cagnara umana che circonda di un anello carnale la Storia sacra, quella ufficiale della Bibbia e dei Vangeli e quella ufficiosa o un po’ eretica, a seconda dei casi, degli Apocrifi: è tornata a vivere davanti ai nostri occhi e ai nostri orecchi grazie al suo teatro, ai suoi cori di risa scettiche e grida di dolore dipinti a pennellate espressionistiche, per 60 anni, attorno al nucleo rovente dei testi più alti della nostra tradizione religiosa.

Nel 1969 Dario Fo portò per la prima volta in scena Mistero buffo, l’opera che lo ha reso famoso in tutto il mondo. Fo, unico attore in scena, recita testi antichi mischiati ai dialetti attraverso un linguaggio teatrale unico.

Dario Fo è stato l’ospite d’onore dell’ultima Fiera dei Librai. E’ stato lui ad inaugurarla, lo scorso 16 aprile. «Sono già stato un’altra volta qui, sapete? All’inizio della mia carriera. Ma erano 40 o 50 anni che non mi invitavano più a mettere piede qui dentro», nel salotto buono. E ricorda con un velo di nostalgia un altro appuntamento, con Franca Rame, un po’ esiliato sulle Mura di Città Alta, una ventina d’anni fa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA