Mercoledì 22 Giugno 2005

Emergenza idrica: la Regione fa quadrato

La situazione idrica è di «pre-allerta». Questa la conclusione raggiunta dal Tavolo permanente (istituito nel 2003) per l’emergenza idrica riunitosi in Regione Lombardia. Insieme, direttori generali, tecnici e rappresentanti dei bacini idrici e dei gestori elettrici, agricoltori e imprenditori hanno elaborato un piano per evitare che la situazione diventi di allarme agendo in modo concertato e condiviso.Anzitutto il Tavolo si riunirà ogni settimana per monitorare la situazione. Per la prossima riunione i gestori dei bacini idroelettrici sono stati invitati a presentare le concrete disponibilità per un graduale rilascio della risorsa acqua a favore delle necessità di irrigazione dei raccolti.

Per la stagione irrigua del 2005, la situazione si sta facendo critica e in assenza di precipitazioni le conseguenze potrebbero essere gravi. Le scarse precipitazioni avvenute nei territori di montagna lombardi nei mesi primaverili, unitamente ad uno scarso manto nevoso residuo alla prima decade di giugno,

consentono di stimare che nei bacini idroelettrici montani siano immagazzinate non più del 60-65% delle risorse idriche normalmente presenti nello stesso periodo (il

deficit sarebbe dunque del 35-40% sulla media).

I dati sulle portate d’acqua e sulle disponibilità saranno raccolti e disponibili a tutti

sul sito internet di Regione Lombardia.

Intanto le previsioni del tempo sembrano venire incontro, almeno parzialmente, al bisogno di acqua: dovrebbero arrivare i temporali.

(22/06/2005)

a.campoleoni

© riproduzione riservata

Tags