Venerdì 19 Settembre 2008

Energie rinnovabili Al Natta un indirizzo di studi

L’istituto chimici Natta si sta specializzando nelle nuove tecnologie energetiche e ha avviato un progetto da 350 mila euro per l’installazione di un laboratorio sul solare termodinamico, con l’intento di creare, in futuro, un indirizzo di specializzazione «ad hoc».«Sul tetto – spiega il coordinatore professor Tiziano Pedruzzi – sono in corso i lavori per la realizzazione del laboratorio sul solare termodinamico e sulle energie rinnovabili, che interessa un’area di circa 400 metri quadrati. È già posizionato un paraboloide lineare costruito da Xeliox Energy Lab di Medolago, partner Ricerca e Sviluppo di Enea. Altri impianti si aggiungeranno nei prossimi mesi, in particolare un paraboloide circolare con motore Stirling la prossima estate».«A progetto completato – spiega il dirigente Giovanni Infantino – il laboratorio supporterà l’avvio di un corso di specializzazione in Energetica ed energie rinnovabili. Già dal prossimo anno scolastico l’uso del laboratorio sarà iscritto nel piano dell’offerta formativa».Intanto il Natta sarà presente domani e domenica allo stand A03 della Fiera Sotto il Monte Solare, a Sotto il Monte:«Illustreremo il progetto – spiega Pedruzzi – e le attività connesse all’offerta formativa della scuola. Stiamo preparando anche una segreteria all’indirizzo laboratorio. [email protected] Il laboratorio sarà ultimato a dicembre e sarà poi disponibile per attività didattico scientifiche per le classi dell’Itis e per le scuole della Provincia, anche tramite le iniziative di LaborAperto».«Ringraziamo Xeliox Energy Lab-Donati Group – continua il preside – che è il principale sponsor di questa iniziativa di rilevanza nazionale. Essenziale è poi il contributo dato dalla Provincia di Bergamo, da Calor Systems di Azzano San Paolo e dal Comitato Pro Paleocapa e Natta».Progetto anche al LussanaDalla collaborazione fra il liceo scientifico Lussana, l’associazione Nova Energy e la sede di Crema del dipartimento informatico dell’università di Milano, è nato il progetto per le scuole «Crema – Laboratorio dell’energia» che si terrà da oggi al 21 settembre per permettere alle scuole di tutta Italia (alcune presenti in persona, altre collegate via web) di discutere di tutte le forme di energia con gli esperti dei vari settori. La manifestazione, ideata dalla docente del liceo Lussana Dianora Bardi, prevede nel weekend la trasformazione del centro di Crema in una piazza virtuale in cui i più importanti nomi dell’energia discuteranno con la gente. La manifestazione nasce dal portale divulgativo sull’energia www.novaenergy.it (riconosciuto dal Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite con il patrocinio dell’Unesco) che diffonde temi energetici proponendo gratuitamente videoconferenze, materiali scaricabili, concorsi ed iniziative per il mondo della scuola. Il laboratorio dell’energia è realizzato con l’appoggio dell’Università di Milano – Dipartimento di Tecnologie dell’Informazione, della provincia di Cremona, dei Comuni di Crema e Cremona di associazioni professionali e aziende del settore ed è appoggiato dall’Enis, la rete delle scuole di eccellenza, con l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Oggi, nella giornata inaugurale, nella sede di Crema dell’Università intervengono anche il sottosegretario Luigi Casero e il vicepresidente della Regione Lombardia e assessore all’Istruzione e Formazione Gianni Rossoni. Tra i relatori della manifestazione ci sono Luigi Berlinguer (Presidente Gruppo di lavoro per lo sviluppo della cultura scientifica e tecnologica), Antonio Bonomo (Presidente di A2A), Sergio Carrà (Politecnico di Milano), Alessandro Clerici (World Energy Council), Simone Morandini (Fondazione Lanza), Vincenzo Naso, David Orban, Pasquale Pistorio, Marieke Reialt, Gianni Silvestrini, Luciano Zanderighi. La mattinata sarà dedicata alle scuole. L’intervento di Luigi Berlinguer aprirà una tavola rotonda sull’inserimento delle tematiche energetiche nella didattica alla quale parteciperanno anche scuole collegate in webconference. Poi la proiezione del documentario ambientalista di Al Gore e una mostra di prototipi energetici. Sabato si parlerà di risparmio energetico, delle energie alternative e rinnovabili, del nucleare, del petrolio, della bioarchitettura e domenica gli esperti risponderanno al pubblico. Tutto sarà on line nella web-tv di www.novaenergy.it. visibile anche dal sito del Liceo Lussana.(19/08/2009)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata