Espone la bandiera israeliana
Arrivano insulti e grida pro Isis

Insulti alla bandiera esposta da un cittadino sulla facciata della sua casa nella via principale di Carvico per la Giornata della Memoria.

Espone la bandiera israeliana Arrivano insulti e grida pro Isis

Il fatto è accaduto il 27 gennaio scorso, Giornata della Memoria, ed è arrivato all’attenzione di un esponente del consolato americano a Milano e della comunità ebraica. Vittima degli insulti è Francesco Brembilla, 57 anni. La bandiera, secondo la ricostruzione fornita dall’ex impresario edile, ha attirato l’attenzione anche di un gruppetto di ragazzini di origine straniera. «Saranno stati una quindicina, tra i 12 e 14 anni – ricorda – ragazzini di origine araba, forse marocchini. Per tutto il giorno hanno suonato il mio campanello per disturbare e poi scappare. Nel pomeriggio, hanno iniziato a insultare la bandiera israeliana, ballando sotto le mie finestre, gridando anche “viva l’Isis, viva l’Isis”». Parole a cui Brembilla non ha voluto dare seguito, per evitare che la situazione degenerasse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA