Evade dai domiciliari e si fa un giro in bici Aveva rubato un’auto e un furgone

Evade dai domiciliari e si fa un giro in bici
Aveva rubato un’auto e un furgone

Aveva rubato l’auto dello zio e si era schiantato, poi aveva rubato un furgone e si era schiantato pure con quello. Alla fine, dopo aver provocato non pochi danni, era ai domiciliari. Scappato, lo ha rifatto, andando a farsi un giro in bici nel bosco.

Ma non è finita qui: il trentenne, residente in Val Seriana, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e tossicodipendente, era già scappato dagli arresti domiciliari.

La prima volta verso le 14,30 del 21 dicembre ad Ardesio. Il trentenne, dopo aver rubato l’auto dello zio, ha fatto un incidente ad Ardesio in via D’Acquacc. Fortunatamente ha perso il controllo dell’auto ed è finito contro un muro facendo tutto da solo. È uscito illeso ma ha semidistrutto l’auto. A quel punto ha pensato bene di rubare un furgone dalla carrozzeria Neri ma ha fatto pochi metri e si è schiantato anche con quello, abbattendo parte del cancello e della recinzione della ditta e danneggiando, oltre al furgone, un’altra auto parcheggiata. I carabinieri del Nucleo radiomobile di Clusone, che erano già stati allertati dallo zio del pregiudicato ed erano sulle sue tracce, sono subito intervenuti e lo hanno arrestato per furto. Il magistrato, in attesa del processo per direttissima fissato, aveva disposto per lui gli arresti domiciliari e i carabinieri lo avevano portato a casa dei genitori.

Mezz’ora dopo la mamma li aveva però chiamati, dicendo che il figlio era scappato. I militari sono tornati a cercarlo e lo hanno trovato poco distante: questa volta era fuggito a piedi e quindi non aveva potuto allontanarsi di molto. Il trentenne era stato portato in caserma a Clusone e sistemato in cella di sicurezza: processato, oltre che per il furto dell’auto e il danneggiamento, anche per evasione dagli arresti domiciliari.

Alla vigilia di Natale, nuovamente ai domiciliari, la fuga: il trentenne ha pensato bene di riscappare dai domiciliari, andando a farsi un giro in bici, in mezzo ai boschi. I carabinieri lo hanno individuato poco dopo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA