Faggio monumentale rovinato dal vento L’appello al ministero per non abbatterlo

Faggio monumentale rovinato dal vento
L’appello al ministero per non abbatterlo

Il Comune di Calolzio ha deciso di abbatterlo ma la minoranza chiede soluzioni alternative.

Un albero monumentale, sulla cui storia rischia però di abbattersi la parola «fine». È polemica a Calolziocorte per il taglio annunciato di un faggio secolare, nel giardino di Villa Guagnellini, a Calolziocorte. Dopo il forte vento di fine ottobre, che aveva fatto cadere vari alberi, il vicesindaco Aldo Valsecchi aveva annunciato che, sulla base degli accertamenti del geologo incaricato, il faggio risultava ammalorato e bisognava procedere all’abbattimento. Essendo l’albero vincolato dalla Soprintendenza, è stato chiesto e ottenuto anche il via libera da parte del Ministero delle Politiche agricole. Il gruppo di opposizione «Cambia Calolzio» ritiene però che non si siano fatte «tutte le dovute valutazioni», e per questo ha chiamato in causa il Ministero, i carabinieri della Forestale e Legambiente, chiedendo ulteriori verifiche e la ricerca di soluzioni tecniche alternative all’abbattimento. Gli sviluppi si vedranno nelle prossime settimane.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 31 gennaio 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA