Farmaci difettosi, ritirato lotto di cerotti La segnalazione è partita da Colzate

Farmaci difettosi, ritirato lotto di cerotti
La segnalazione è partita da Colzate

Nuovo allarme sulla sicurezza dei farmaci. L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha disposto il ritiro del medicinale «Keritrina 24 Ore Cerotti» con decorrenza immediata.

Il medicinale è usato per il trattamento dell’Angina pectoris: come monoterapia o in associazione ad altri farmaci antianginosi quali beta-bloccanti e/o calcioantagonisti.

Un comunicato dell’Aifa, l’Agenzia Italiana per il Farmaco è eloquente nel precisare che: «A seguito della segnalazione della Farmacia Trussardi di Colzate, concernente ritrovamento di cerotti di ” Keritrina 5 mg/24 ore cerotti” in una confezione del medicinale “Keritrina 10 mg/24 ore 15 cerotti” lotto n. 31609 scad. 04/2016, ai sensi dell’art. 70 dei D.lvo 219/2006 e per la motivazione sopra evidenziata, si comunica, il ritiro da parte della ditta del lotto del medicinale sopra riportato. Resta inteso che, nelle more del ritiro, il lotto del medicinale sopra riportato non potrà essere utilizzato. La ditta EG SpA dovrà assicurare l’avvenuto ritiro entro 48 ore dalla ricezione della presente comunicazione. Entro 5 giorni Ia ditta fornirà all’Aifa le informazioni su eventuali altri lotti interessati ed azioni correttive adottate. Il Comando Carabinieri perla Tutela della Salute è invitato a verificare l’avvenuto ritiro e, in caso di mancato adempimento da parte della ditta interessata, procederà al sequestro dei lotti del medicinale».

Giovanni D’Agata, presidente dello «Sportello dei Diritti», raccomanda ai pazienti in trattamento con il medicinale di verificare il numero di lotto e, nel caso corrispondesse a quello ritirato, di sospenderne l’uso e di rivolgersi al proprio medico per una nuova prescrizione. Sempre al medico di famiglia gli assistiti potranno rivolgersi per ottenere qualunque tipo di chiarimento sul provvedimento e per avere maggiori informazioni sui motivi che hanno portato al ritiro dal mercato del farmaco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA