Lunedì 13 Aprile 2009

Furto alle Poste di Scanzorosciate
Bottino da 20 mila euro

Sono entrati dal retro e hanno tagliato la cassaforte con una fiamma ossidrica, riuscendo a portare via i soldi che custodiva. È di oltre 20 mila euro il bottino del furto messo a segno sabato 11 aprile, vigilia di Pasqua, all’ufficio postale di Scanzorosciate, in via 4 Novembre, nella zona centrale del paese.

I malviventi sono entrati in azione nella nottata: dopo aver divelto la recinzione sul retro dell’edificio, hanno forzato una porta e sono riusciti ad entrare, quindi si sono diretti verso la cassaforte e si sono accaniti sullo sportello metallico con una fiamma ossidrica. Sono così riusciti ad aprire nel forziere un varco sufficiente ad infilare le mani all’interno e arraffare quanti più soldi possibile: dalle prime stime, il bottino supererebbe i 20 mila euro.

Mentre i banditi erano all’interno dell’ufficio postale è entrato in funzione il sistema d’allarme collegato con le forze dell’ordine ed è immediatamente intervenuta una pattuglia della tenenza di Seriate. I militari dell’Arma al loro arrivo hanno intravisto un’auto che si allontanava a tutta velocità dalla sede delle Poste: con tutta probabilità erano proprio i malviventi che stavano scappando dopo il colpo.

La pattuglia dei carabinieri ha tentato di raggiungere l’auto in fuga, ma non è riuscita ad intercettarla. Nonostante le ricerche in tutta la zona, compiute anche con l’aiuto di altre pattuglie dell’Arma, i ladri sono riusciti a far perdere le loro tracce. Le modalità con cui è stato messo a segno il furto fanno pensare ad una banda di professionisti, che probabilmente ha effettuato dei sopralluoghi nei giorni precedenti e che ha agito con la certezza di trovare l’ingente quantitativo di denaro.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata