Domenica 07 Agosto 2011

Furto «a rate» in una casa di Mezzoldo
Spariscono i cappucci in rame

Se il materiale che ingolosisce è parecchio e, soprattutto, se il prelievo del prezioso bene richiede una certe dose di paziente lavoro, ecco che ci si inventa il furto a rate. Poco alla volta, in più volte. E in una casa di Mezzoldo le sgradite visite sono già state due. Obiettivo dei ladri alcuni cappucci in rame messi a protezione dei pali in legno di una staccionata.

Si tratta di una copertura, avvitata sulla sommità del palo, che impedisce l'infiltrazione dell'acqua nel legno. La villetta, situata in località Scaluggio, è la casa di villeggiatura di una famiglia dell'hinterland che, alla fine di luglio, ha scoperto l'ammanco di una ventina di cappucci dalla palizzata. A pochi giorni di distanza la spiacevole sorpresa si ripete e all'appello ne manca un'altra ventina. La palizzata è parecchio lunga e il proprietario non ha intenzione di vedersi scippare sotto il naso altre piastre in rame.

È scattata così la denuncia, inoltrata ai Carabinieri di Piazza Brembana che hanno effettuato un sopralluogo nel giardino della casa. Per raggiungere la palizzata i ladri hanno scavalcato il cancello d'ingresso, entrando nella proprietà privata della famiglia e, con certosina cura, hanno svitato i cappucci i rame. Il lavoro, così ben fatto, non fa pensare al classico furto di rame da immettere sul florido mercato clandestino, ma insinua il dubbio che a qualcuno l'articolo sia particolarmente piaciuto e che, come una formichina, abbia deciso di impossessarsene poco a poco, per uso proprio domestico, per proteggere la sua staccionata rovinata dall'acqua. A far propendere per questa possibilità è il fatto che i ladri non hanno divelto i cappucci, ma li hanno rimossi, svitando le viti e portandosi a casa anche quelle.

Dopo il furto, si sono intensificati i controlli nella zona. La località, soprattutto in questa stagione estiva, è molto frequentata dai turisti e dai proprietari di seconde case. Irruzioni o movimenti sospetti potrebbero essere facilmente notati e segnalati alle forze dell'ordine.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata