Furto nella canonica di Premolo: 60 mila euro tra gioielli e soldi

Furto nella canonica di Premolo:
60 mila euro tra gioielli e soldi

Non si sono fermati nemmeno di fronte all’«oro della Madonna» i ladri che giovedì 26 marzo hanno preso di mira la canonica di Premolo.

Ignoti hanno sradicato dal muro la cassaforte dove erano contenuti i gioielli offerti dai fedeli alla Madonna del Rosario, venerata in paese e la cui statua, in occasione della festa religiosa del 7 ottobre, viene portata in processione per le vie del paese ornata dei monili donati dai premolesi.

La prima stima del bottino è ingente: si aggira sui 60 mila euro. I ladri hanno mirato subito la cassaforte e il parroco Gian Luigi Colpani si è accorto del furto al suo rientro a casa, verso le 16,30. La canonica sorge attigua alla chiesa parrocchiale, in zona centrale del paese, vicino alle scuole elementari e alla scuola materna, ma nessuno si è accorto delle presenza dei malviventi. I ladri sono entrati nella canonica dal retro, forzando la porta finestra, posta al pianterreno.

La portafinestra forzata

La portafinestra forzata
(Foto by Giuliano Fronzi)

Una stima dei danni e del contenuto della cassaforte portato via fa salire a circa 50 mila euro il valore degli oggetti preziosi (ex voto, collane, anelli, orecchini, corone del rosario e braccialetti) conservati in una cassetta e a circa 10 mila euro la somma in denaro (tra offerte dei fedeli alla chiesa e soldi di proprietà del parroco) conservati in un posto considerato sicuro come la cassaforte a muro.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola venerdì 27 marzo 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA