Domenica 15 Maggio 2011

furto

Furto di capi d'abbigliamento griffato a Cisano Bergamasco con un bottino rilevante che supera in valore l'importo di 20 mila euro. I soliti ignoti hanno preso di mira, nella notte tra venerdì e sabato, il negozio «Bieffe», ubicato in via Milano, 7, dove si trova il centro commerciale Billa, a lato dell'ex statale Briantea, di proprietà della ditta «G.C.N. srl», della quale sono titolari G.B. 50 anni, un uomo residente a Piacamuno, nel Bresciano, e V.G., 26 anni, una donna residente a Mandello del Lario, nel Lecchese. Secondo una prima ricostruzione, i ladri hanno preparato il colpo nei minimi particolari. Con l'utilizzo di un contatto elettrico sono riusciti a sollevare la saracinesca della porta d'ingresso, provvedendo poi a forzare la serratura della stessa porta. Per potere agire indistturbati i malviventi hanno provveduto a disattivare i lampioni dell'impianto d'illuminazione dell'ampio parcheggio che viene utilizzato anche dai clienti del centro commerciale, provvedendo anche a posizionare un grosso furgone nel parcheggio sopraelevato. Una volta all'interno dei locali del negozio, hanno fatto man bassa di capi d'abbigliamento uomo e donna, tutti di marca, che avrebbero collocato in grossi sacchi neri e portati nel furgone, attraverso la scala di servizio antincendio, allontnandosi poi senza lasciare traccia. Ad dare l'allarme la contitolare del negozio al momento dell'apertura di sabato, considerato che dopo il furto i ladri hanno riabbassato la saracinesca, in modo che dall'esterno nessuno potesse pensare ad un furto. Sul posto sono arrivati i carabinieri di Cisano, che indagano per scoprire i responsabili. Per redigere l'inventario esatto del furto anche nel pomeriggio di ieri la contitolare con una collaboratrice si trovava sul posto.«Il furto- ha dichiarato la donna- è stato preparato da profedssionisti. Tra l'altro hanno selezionato i vari capi da rubare scegliendo le marche più prestigiose». La stessa società ha un altro negozio a Cisano «Outelet moda», ubicato in via Mazzini, 50, accanto alla rotonda vicina al passaggio a livello.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata