Gualtieri: ristori entro il 15 novembre
Gli aiuti ai ristoranti e bar dopo la chiusura

Consiglio dei ministri in programma nel pomeriggio di martedì 27 ottobre: il ministro dell’Economia intanto in autoisolamento per il virus.

Gualtieri: ristori entro il 15 novembre     Gli aiuti ai ristoranti e bar dopo la chiusura

Al via gli incontri in videoconferenza del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con le categorie coinvolte dalla stretta dell’ultimo Dpcm per il contenimento del coronavirus, in vista del varo del decreto ristori, previsto nel pomeriggio di martedì 27 ottobre: il primo di diversi appuntamenti, cui partecipano anche i ministri dell’Economia, Roberto Gualtieri, e dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, è con i rappresentanti delle attività commerciali, Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato. In seguito il premier vedrà anche i rappresentanti di piscine e palestre e le delegazioni di Anica, Agis e Anec, legate al mondo del cinema e dello spettacolo.

«Nelle stesse ore in cui lavoravamo alle norme del Dpcm, abbiamo lavorato per far arrivare risorse in tempi record alle categorie penalizzate. Oggi alle 15 abbiamo un Consiglio dei ministri in cui approviamo un decreto con immediate misure di ristoro e indennizzi». Lo ha detto, a quanto si apprende dall’Ansa, il premier Giuseppe Conte nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi con le categorie.

I ristori a fondo perduto saranno il «pezzo forte» del decreto sul tavolo del Consiglio dei ministri del pomeriggio e arriveranno «in tempi record entro il 15 novembre». Lo avrebbe detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri nel corso dell’incontro con le categorie colpite dall’ultimo Dpcm anti-Covid. Il nuovo intervento a fondo perduto avrà un funzionamento legato al meccanismo già utilizzato con il decreto Rilancio, il mese di aprile resterà il punto di riferimento: «Per alcuni settori il coefficiente sarà 1 per i ristoranti 1,5» per altri settori potrà arrivare a 2 (quindi ristoro doppio rispetto a quanto già ricevuto). Nel decreto ci saranno anche «sostegni specifici per turismo e somministrazione», cioè bar, ristoranti, pub.

Sempre nella tarda mattinata si è appreso che il Covid arriva anche al ministero dell’Economia: il ministro Roberto Gualtieri, secondo quanto si apprende, si trova in autoisolamento nel suo ufficio al Mef e in attesa dell’esito del tampone dopo che il ragioniere generale dello Stato, Biagio Mazzotta, è risultato positivo al Coronavirus. Il ministro è comunque al lavoro e sta partecipando in video collegamento agli incontri di Palazzo Chigi con le categorie colpite dal nuovo Dpcm in vista del varo del decreto ristori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA