Sabato 01 Novembre 2008

Halloween movimentato al Bolgia e al Bobadilla

Halloween movimentato in due discoteche della Bergamasca. I carabinieri del Comando provinciale di Bergamo si sono mescolati alla folla all’interno della discoteca Bolgia di Osio Sopra e hanno arrestato un ragazzo di diciotto anni, colto in flagranza di spaccio. Il giovane aveva appena passato una pastiglia di ecstasy ad un suo amico, poi denunciato, che a sua volta l’ha ceduta all’acquirente. Si tratta di R.R. di appena 18 anni, bergamasco, che dopo essere stato arrestato e perquisito, è stato trovato in possesso di altre otto dosi di cocaina e di 4 pastiglie di ecstasy. L’operazione è stata effettuata durante un servizio mirato al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, organizzato proprio per la serata di Halloween, prevedendo l’enorme massa di giovani che si sarebbe riversato nelle discoteche. Al servizio hanno partecipato i militari delle stazioni carabinieri di Osio Sotto, Dalmine, Treviglio e Urgnano.Problemi, ma di genere diverso, al Bobadilla di Dalmine: intorno alle 2.30 di sabato 1° novembre, le centinaia di persone che si trovavano nel locale sono state fatte uscire all’esterno dopo che uno dei clienti avrebbe rovesciato sulla pista da ballo il contenuto di una fialetta urticante.  Intervenuto il 118, una decina di persone avrebbero accusato un forte prurito e una certa difficoltà di respirazione, ma per nessuna di loro è stato necessario il trasporto in ospedale. Momenti di tensione, infine, quando tra i clienti del locale si è sparsa la voce - risultata poi del tutto infondata - di una possibile fuga di gas. Quando però forze dell’ordine e vigili del fuoco hanno chiarito quanto era successo, e l’effetto della fialetta urticante è passato, i clienti sono potuti rientrare e la serata è proseguita fino all’orario di chiusura. In mattinata, dopo che si erano diffuse voci su possibili intossicazioni, i responsabili della discoteca hanno annunciato che si riservano di sporgere una denuncia a carico di ignoti per procurato allarme.(01/11/2008)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata