Venerdì 05 Dicembre 2008

Hina, confermati in appellola condanna del padre a 30 anni

Il Tribunale di Brescia ha confermato in appello la condanna a 30 anni di carcere per il padre di Hina Saleem, la ragazza pachistana uccisa nell’agosto del 2006 a Sarezzo nel Bresciano perché considerata dalla famiglia una cattiva musulmana. Diciassette invece gli anni di reclusione comminati ai due cognati della vittima, per i quali in primo grado erano stati chiesti 30 anni. I tre imputati avevano scelto il rito abbreviato.(05/12/2008)

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags