I Ris: nel furgone di Bossetti nessuna traccia di Yara

I Ris: nel furgone di Bossetti
nessuna traccia di Yara

Il pm Letizia Ruggeri ha ricevuto la relazione conclusiva dei Ris di Parma riguardante i veicoli dell’indagato e una serie di oggetti che erano stati sequestrati a casa sua.

Le analisi condotte nei laboratori di Parma, secondo le prime indiscrezioni, non avrebbero portato nuovi elementi significativi: soprattutto, non sarebbero state trovate nei mezzi di Bossetti tracce riconducibili a Yara e quindi a un suo passaggio in quei luoghi. Il contrario sarebbe stato un ulteriore grave indizio a carico dell’artigiano edile accusato dell’omicidio, dopo quello (già di per sé pesantissimo) del suo dna trovato sugli slip e sui leggings della vittima.

I carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche, agli ordini del colonnello Giampietro Lago, hanno lavorato sui reperti per oltre cinque mesi. Avevano iniziato infatti il 1° luglio scorso. Le «tute bianche» di Parma hanno letteralmente smontato il furgone Iveco Daily cassonato colore verde chiaro del muratore di Mapello e la sua Volvo V40, per poi passarli al setaccio.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 12 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA