I testimoni dell’omicidio di Albino «È riuscita a dirci: mi ha ucciso lui»

I testimoni dell’omicidio di Albino
«È riuscita a dirci: mi ha ucciso lui»

«Appena è caduta a terra ci siamo avvicinati: era una maschera di sangue e aveva ferite ovunque, pure un taglio alla gola. Ha detto soltanto: “lui mi ha ucciso”».

«E si riferiva a quell’uomo alle sue spalle che, proprio come noi, si era avvicinato, pensavamo perché volesse pure lui soccorrerla. Invece era l’assassino: infatti quando quella ragazza, con l’ultimo fiato che aveva in corpo prima di morire, lo ha di fatto accusato, lui ci ha squadrato e poi è scappato verso il ponte».

Il luogo dell’omicidio ad Abino

Il luogo dell’omicidio ad Abino
(Foto by Giuliano Fronzi)

Ricordano tutti i dettagli come fosse stato un drammatico film che si è materializzato all’improvviso davanti ai loro occhi i quattro giovani che, l’altra notte, sono stati i primi ad avvicinarsi a Sara El Omri dopo che la diciannovenne è caduta a terra, ferita da ventiquattro coltellate, a pochi metri dalle panchine sulla sponda del Serio dove si trovavano.

Fiori per la povera ragazza uccisa

Fiori per la povera ragazza uccisa
(Foto by Giuliano Fronzi)

Tre fratelli con un quarto amico, tutti tra i venti e trent’anni e residenti nella zona, hanno subito capito la gravità della situazione e chiamato il 118: «Purtroppo l’ambulanza è arrivata dopo venti minuti - denunciano -: la ragazza è rimasta agonizzante a terra, poi è morta davanti ai nostri occhi».

«Terminati i rilievi dei carabinieri, siamo andati in caserma nel cuore della notte perché eravamo un po’ preoccupati, perché quell’uomo ci aveva visto in faccia prima di scappare - proseguono i testimoni -. Siamo dunque tornati alla pista ciclabile ed è stato a quel punto che abbiamo visto una figura vicino a una pianta: era la ragazza minorenne, che abbiamo bloccato».

Secondo i carabinieri a ucciderla, con due diversi coltelli da cucina, sono stati il marito di lei, Amine El Gahazzali, di 25 anni, e l’amante di lui, J. S., di 16, incinta: entrambi sono in carcere, accusati di omicidio volontario in concorso.

I due presunti assassini

I due presunti assassini


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola giovedì 4 giugno 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA