Martedì 14 Marzo 2006

Il Fondo alla Biblioteca Angelo Mai

La Biblioteca Civica Angelo Mai custodisce un fondo che da lui prende il nome ed è distinto in due parti, una fotografica, dono di Lodovico Goisis e una libraria, donata alla Biblioteca dalla sorella Rosetta, con la quale sono pervenute anche 200 testate di periodici.Queste ultime, rappresentative della multiformità di interessi ed attività di Locatelli, spaziano dalla storia dell’aeronautica, ai viaggi, dagli annuari di navigazione aerea e marittima, a quelli geografici ed astronomici, dai calendari illustrati ai bollettini parlamentari. Quasi tutte pubblicate entro il primo trentennio del Novecento e non soltanto in Italia (diverse quelle in inglese e francese) sono anche le riviste di alpinismo e montagna, quelle di costume, di fotografia, d’arte, di guerra e propaganda, conservate insieme alla Rivista di Bergamo (dal 1922 al 1939) della quale Locatelli fu direttore a partire dal 1929.FOTOGRAFIE Il fondo comprende stampe fotografiche originali di Antonio Locatelli (1895-1936), politico, giornalista, viaggiatore, eroe della Prima Guerra Mondiale.Sono immagini del viaggio intorno al mondo (Africa, Asia e America) compiuto dal bergamasco tra la fine del gennaio e la metà di settembre del 1923. Documentano paesaggi, monumenti, città, popolazioni, costumi. Il fondo, che comprende 2.000 fotografie, è costituito da due serie, A e B, di 20 album ciascuna.Ogni album contiene 50 fotografie. Gli albums della serie A provengono dal dono fatto da Lodovico Goisis alla Biblioteca nel 1936, pochi mesi dopo la morte del Locatelli. Per gli album della serie B non è stato finora possibile risalire alla provenienza. Fino al 1996 erano conservati presso la Biblioteca Ciro Caversazzi di Bergamo. Le due serie non sono perfettamente identiche. Da un confronto basato sul numero di negativo riportato sul retro del cartone di supporto di ogni fotografia, è stato possibile verificare che, nelle due serie, 495 immagini sono stampate tanto nella serie A quanto nella serie B. Pertanto, considerando che 495 fotografie sono presenti in duplicato, il totale delle immagini è di 1505 su una cifra complessiva di 2000 stampe.LIBRILa parte libraria comprende la libreria del Locatelli per circa 2.000 titoli, che testimoniano soprattutto le sue due grandi passioni: l’aviazione e i viaggi. Sono presenti testi sulla aviazione (manuali di meccanica, atlanti di volo, regolamenti, storia dell’aviazione e dei grandi aviatori, memorie di viaggi). Contigua a questa sezione è quella sulle guerre e sull’ideologia fascista. La passione per i viaggi è testimoniata dalla grande quantità di guide, calendari illustrati, descrizioni geografiche, dizionari. Nella libreria non mancano, inoltre, testi di letteratura, soprattutto italiana, e di storia locale bergamasca.I volumi sono per lo più degli inizi del Novecento, in edizioni soprattutto in italiano ma anche in francese, tedesco e inglese; discreta è la presenza di riviste locali e specialistiche sul volo. La parte libraria è stata donata alla Biblioteca dalla sorella Rosetta (e questa parte del fondo prende il nome di dono Rosetta Locatelli) nella seconda metà degli anni Ottanta.

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags