Lunedì 07 Giugno 2010

Iseo, dopo trentacinque anni
riapre la «ferrovia dei vigneti»

Dopo 35 anni riapre la "ferrovia dei vigneti", 12 chilometri che collegano Iseo a Rovato, in Franciacorta. Il servizio, che entrerà in vigore dal 13 giugno, in occasione del nuovo orario estivo, è stato presentato lunedì a Iseo dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo, insieme all'assessore ai trasporti della Provincia di Brescia Corrado Ghirardelli e l'amministratore delegato di Trenitalia-Lenord, Giuseppe Biesuz.

"Continua il nostro impegno sul fronte del servizio ferroviario nel quadro del potenziamento della mobilità in Lombardia - ha dichiarato l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo intervenendo a Iseo -. Con la riattivazione della tratta ferroviaria tra Iseo e Rovato garantiremo collegamenti più veloci tra la Valcamonica e i centri dell'Ovest Lombardia, ripristinando così un servizio ai viaggiatori che era fermo da oltre 35 anni. I viaggiatori potranno partire direttamente da Milano e raggiungere Iseo o Edolo senza cambiare a Brescia. Grazie ai nuovi servizi sarà infatti possibile ridurre di 30 minuti i tempi di viaggio tra Milano Lambrate e la Valle Camonica e di 60 minuti i tempi di viaggio tra Bergamo e la Valle Camonica. Dal prossimo anno, inoltre, entreranno in servizio 8 nuovi treni diesel che si aggiungeranno ai tre già presenti sulla tratta e per i quali Regione Lombardia ha investito 22 milioni di euro".

Per la riapertura della linea sono stati investiti circa 200 mila euro per i lavori di adeguamento a standard delle stazione, di armamento e messa in sicurezza delle linee. "L'intervento - spiega l'assessore Cattaneo -si aggiunge ai potenziamenti e ai lavori di messa in sicurezza della linea Brescia-Edolo attivati negli ultimi tre anni per i quali Regione Lombardia ha stanziato oltre 100 milioni di euro. Sono stati eliminati 58 passaggi a livello e sono state messe le protezioni con barriere ai 97 varchi rimanenti".

"L'apertura di questa tratta, che dovrebbe essere utilizzata da 150mila passeggeri l'anno e su cui viaggeranno 16 treni al giorno - spiega ancora l'assessore Cattaneo - è solo il primo tassello dell'impegno di Regione Lombardia per potenziare il quadrante ferroviario Lombardia Est, assicurando migliori collegamenti a favore dei viaggiatori che si spostano per ragioni lavorative, ma anche turistiche".

a.ceresoli

© riproduzione riservata