Milan bloccato anche dal Crotone
L’Atalanta rimane a +5 in classifica

Un punto l’Atalanta, un punto il Milan. E la classifica rimane invariata, almeno fino alla partita dell’Inter in programma domenica sera.

Milan bloccato anche dal Crotone L’Atalanta rimane a +5 in classifica

I rossoneri hanno pareggiato a Crotone e rimangono a cinque punti di distanza dai nerazzurri. Entrambe le rivali in corsa per l’Europa hanno fatto solo un piccolo passo in classifica, ma rispettivi due punti hanno un peso molto diverso. L’Atalanta ha pareggiato contro la Juventus, il Milan contro il Crotone.

La Lazio batte 3-1 la Roma nel derby della capitale valido per la 34ª giornata di campionato: doppietta di Keita e gol di Basta per la squadra di Inzaghi, momentaneo pareggio di De Rossi per i giallorossi su rigore peraltro inventato dall’arbitro Orsato. I biancocelesti di Inzaghi salgono così a quota 67 e consolidano il loro 4° posto, lasciando l’Atalanta a quota 64 in 5ª posizione. I nerazzurri, anche se avevano momentaneamente appaiato la Lazio dopo il pari con la Juve, erano comunque già di fatto quinti, considerando il doppio scontro diretto sfavorevole (3-4 e 1-2).

Sotto il sole delle 12.30 la Roma parte anche meglio, come già successo nei due recenti derby di Coppa Italia. La pressione dei giallorossi si spegne dopo appena dieci minuti, giusto il tempo per un tentativo ravvicinato di Dzeko e un sinistro insidioso di Salah. Poi comincia la partita della Lazio. Al primo affondo, al minuto 12, Keita va in gol con un lampo dai venti metri, un sinistro che passa sotto le gambe di Emerson e diventa imparabile per Szczesny. Da qui in avanti la Lazio diventa padrona del campo con l’antica ma sempre valida tattica del catenaccio e contropiede: ci vuole il miglior Szczesny per deviare in angolo le due conclusioni di Parolo. La Roma non trova spazi al centro e non riesce ad affondare sulle fasce con Emerson e Rudiger, inutile nel ruolo di terzino. Solo una svista dell’arbitro Orsato, che concede un rigore per un inesistente fallo di Wallace su Strootman, riesce a rianimare la squadra di Spalletti: De Rossi trasforma dal dischetto al 45’ e il primo tempo si chiude in parità.

Nella ripresa Spalletti inserisce Bruno Peres, passa al 3-5-2 e Dzeko sfiora subito il raddoppio, evitato dal riflesso di Strakosha. Ma, come nel primo tempo, la Lazio riprende presto in mano il match: Basta riporta avanti i biancocelesti al 50’ con un sinistro deviato da Fazio, Keita e Anderson sfiorano il terzo gol negli ampi spazi lasciati dalla Roma. Al 63’ Spalletti cambia nuovamente modulo, inserendo Perotti per Fazio e tornando al 4-2-3-1, ancor più offensivo quando al 73’ entra anche Totti per De Rossi. Ma la Roma non riesce a costruire niente, mentre dall’altra parte Keita chiude il match al minuto 80, battendo ancora Szczesny sull’assist di Lulic.

Roma (4-2-3-1): Szczesny 6, Ruediger 4,5, Fazio 4 (19’ st Perotti 5), Manolas 5,5, Emerson 5; De Rossi 6 (28’ st Totti 6), Strootman 5,5; Salah 5, Nainggolan 5,5, El Shaarawy 5,5 (1’ st Peres 4,5); Dzeko 5. (18 Lobont, 19 Alisson, 15 Vermaelen, 3 Juan Jesus, 21 Mario Rui, 5 Paredes, 7 Grenier, 30 Gerson). All.: Spalletti 5

Lazio (3-5-1-1): Strakosha 7; Bastos 6,5, de Vrij 6,5 (29’ st Hoedt 6), Wallace 6; Basta 7, Parolo 6,5, Biglia 7, Lulic 7,5; Lukaku 6,5 (43’ pt Anderson 6); Milinkovic 6,5, Keita 8 (43’ st Djordjevic sv). (55 Vargic, 31 Adamonis, 4 Patric, 26 Radu, 96 Murgia, 11 Crecco, 25 Lombardi, 9 Immobile, 18 Luis Alberto). All.: Inzaghi 7.5

Arbitro: Orsato di Schio 4,5

Reti: nel pt 12’ Keita, 45’ De Rossi (rig); nel st, 5’ Basta, 40’ Keita.

Angoli: 8-5 per la Roma

Espulso: Rudiger

Ammoniti: Biglia, Hoedt e Salah per gioco falloso, Keita per comportamento non regolamentare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA