Turchia, fallito il colpo di stato Erdogan: «I traditori pagheranno»

Turchia, fallito il colpo di stato
Erdogan: «I traditori pagheranno»

La notte più lunga della Turchia si conclude con il fallimento del colpo di stato tentato da una fazione dell’esercito contro il presidente Tayyip Erdogan.

Dopo ore di bombardamenti e combattimenti a Istanbul e nella capitale Ankara, i militari golpisti si sono arresi. Ma la loro sconfitta appariva già chiara durante la notte, quando l’aereo di Erdogan è atterrato all’aeroporto Ataturk di Istanbul, solo poche ore prima nelle mani dei putschisti.

Soldati turchi e i supporter del presidente Erdogan nella piazza di Taksim a Istanbul

Soldati turchi e i supporter del presidente Erdogan nella piazza di Taksim a Istanbul
(Foto by Emrah Gurel)

È salito ad almeno 200 morti e più di un migliaio di feriti il bilancio degli attacchi durante il fallito tentativo di colpo di stato in Turchia. Lo riporta l’agenzia statale Anadolu. Ma sono numeri destinati a crescere nelle prossime ore. Come probabilmente anche quelli dei militari arrestati: 1.563, secondo le ultimissime cifre fornite dal ministro della Giustizia, Bekir Bozdag. Ed è appena all’inizio anche la purga nell’esercito, con 5 generali e 29 colonnelli già sollevati dai loro incarichi e la nomina-lampo del nuovo capo di Stato maggiore, Umit Dundar, a sostituire - almeno temporaneamente - Hulusi Akar. Di lui, che sarebbe stato preso in ostaggio durante il golpe, persino Erdogan aveva detto di non avere notizie certe. Poi, l’agenzia ufficiale Anadolu ha fatto sapere poco fa che è stato liberato dal luogo dove veniva detenuto, una base aerea alle porte di Ankara.

Nella notte scontri tra i militari e la polizia, fedele a Erdogan

Nella notte scontri tra i militari e la polizia, fedele a Erdogan
(Foto by Selcuk Samiloglu)

Tornato a Istanbul, il presidente si è concesso più di un bagno di folla nella zona dell’aeroporto. Acclamato da migliaia di sostenitori, che ha salutato con il gesto della rabia, mutuato dai Fratelli musulmani, il «sultano» ha ringraziato il suo popolo per averlo sostenuto scendendo in piazza, mentre una folla festante sventolava bandiere turche e inneggiava ad Allah.

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha parlato in diretta ad uno smartphone di una giornalista della Cnn Turk durante il tentativo del golpe

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha parlato in diretta ad uno smartphone di una giornalista della Cnn Turk durante il tentativo del golpe
(Foto by FERMO IMMAGINE SKY TG24)

A loro, ha promesso che «i traditori» che hanno tentato di rovesciarlo «pagheranno un caro prezzo». La mente dietro il golpe, ha accusato direttamente Erdogan, è il suo ex alleato diventato nemico numero uno, l’imam e magnate auto-esiliatosi in Usa, Fethullah Gulen. Che pero’, in un comunicato, ha condannato il tentativo di golpe, giurando di esserne estraneo: «Per qualcuno come me che ha sofferto sotto diversi colpi di stato militari nelle ultime cinque decadi, è particolarmente offensivo essere accusato di avere legami con un tentativo del genere».

Un uomo posa con la bandiera della Turchia vicino a un’auto schiacciata da un tank militare

Un uomo posa con la bandiera della Turchia vicino a un’auto schiacciata da un tank militare
(Foto by Burhan Ozbilici)

Alle prime luci dell’alba, la Turchia si è svegliata ancora in stato d’assedio. L’emittente statale Trt e la tv privata Cnn Turk, entrambe occupate e poi abbandonate nella notte dai putchisti, mostravano le immagini dei soldati che si arrendevano sul ponte del Bosforo, chiuso al traffico dalla scorsa notte. Vicino a loro, i sostenitori di Erdogan festeggiavano sopra itank.

Cittadini turchi festeggiano il fallito colpo di stato

Cittadini turchi festeggiano il fallito colpo di stato
(Foto by Emrah Gurel)

In mattinata, ancora scontri armati venivano segnalati in diverse zone della città. In queste ore, assicura la compagnia di bandiera Turkish Airlines, l’aeroporto Ataturk sta comunque riprendendo a funzionare regolarmente. Situazione critica anche ad Ankara, dove è stato bombardato il Parlamento ma nessun deputato risulta ferito.

Quando era già giorno, sotto attacco è finita anche l’area della faraonica residenza presidenziale, il simbolo del potere di Erdogan. Lì si contano almeno 5 vittime. Ma la Turchia ha fretta di chiudere i conti con la sua lunga notte d’inferno. Il premier Binali Yildirim ha lanciato un appello a tutti i deputati, chiedendo di presentarsi oggi pomeriggio ad Ankara per una seduta straordinaria del Parlamento.

Fumo dal palazzo presidenziale ad Ankara

Fumo dal palazzo presidenziale ad Ankara
(Foto by Burhan Ozbilici)


© RIPRODUZIONE RISERVATA