Ladri in fuga speronano i vigilantes Spari in aria: e il colpo va in fumo

Ladri in fuga speronano i vigilantes
Spari in aria: e il colpo va in fumo

Prima un colpo andato a segno. Al secondo tentativo una banda formata da quattro ladri ha sfondato la vetrina del «Cafè la ola» di Osio Sopra.

Erano le 3,30 della notte tra lunedì e martedì. questa volta è subito arrivata una guardia giurata della Sorveglianza italiana, che si trovava in zona per dei controlli.

La banda si è così data alla fuga. Sono seguiti momenti piuttosto concitati: l’auto dei ladri, una Fiat Punto bianca rubata, ha speronato l’auto dell’istituto di vigilanza e la guardia è stata costretta a sparare in aria con la pistola d’ordinanza, per intimare l’alt alla banda. L’inseguimento è proseguito per qualche chilometro e, nel frattempo, sono stati avvertiti i carabinieri, che hanno a loro volta mandato in zona le proprie pattuglie.

I danni dopo la spaccata al bar la Ola

I danni dopo la spaccata al bar la Ola
(Foto by Luca Cesni)

Da Osio Sopra la banda, tallonata dalla guardia giurata, ha raggiunto Mariano di Dalmine e imboccato via Cave. Strada che finisce nei campi prima del Brembo. A questo punto i quattro occupanti hanno abbandonato la Punto e proseguito la fuga a piedi, perdendosi nell’oscurità.

E lasciando sulla vettura tutta la refurtiva, quella del primo colpo, messo a segno attorno alle 3 al bar Centro di via Vittorio Veneto, a Ciserano.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA