Mercoledì 22 Settembre 2004

Ladri nella torrefazione spariti 160 quintali di caffè

Razzia di caffè, nella notte tra lunedì e ieri, ai danni della Verca snc di Lallio, storica azienda di torrefazione del noto marchio «Juba». Attorno alle 3 di notte, una banda di malviventi ha potuto lavorare indisturbata e dallo stabilimento, posto lungo l’ex statale 525, sono spariti 160 quintali di caffè crudo, importato da Brasile, Salvador, Santo Domingo e Panama, per un valore di oltre 60 mila euro: la materia prima scomparsa supera la quota che solitamente la Verca riesce a lavorare nel giro di un mese, attorno ai 120 quintali. Il furto è stato scoperto solo ieri mattina alle 7,45 quando un dipendente, il primo a entrare in ditta, ha notato il cancello affacciato sull’ex statale semiaperto, con la centralina automatica fuori uso. Già un mese fa la stessa società aveva subito un tentato furto: ignoti erano entrati negli uffici scassinando le porte, andandosene però a mani vuote.

Di notte uno o due malviventi, mentre i complici erano ancora sulla strada, hanno divelto gli infissi in metallo di una finestra dei bagni dello stabilimento, riuscendo a piegarla per creare un’apertura non più ampia di 40 centimetri, dalla quale sono riusciti a infilarsi per accedere al capannone: una volta dentro si sono diretti ad un passaggio per mezzi pesanti e muletti sul lato nord della ditta, che serve per scaricare il caffè crudo depositato in un ampio locale dietro i macchinari per la torrefazione.

Le porte scorrevoli del passaggio, chiuse dall’interno con un’asta a incastro, sono state aperte senza problemi. Solo a quel punto i malviventi avrebbero pensato a come forzare il cancello esterno dell’azienda, rompendo con una barra di metallo di circa mezzo metro la centralina di automazione. Ad attenderli, sull’ex statale, complici a bordo di un camion, che è stato fatto entrare senza problemi e parcheggiato nei pressi del deposito di caffè crudo. I muletti della ditta, ieri mattina, erano fuori posto: almeno due mezzi sono stati utilizzati per caricare circa 270 sacchi di materia prima, da 60 chili l’uno, su un tir. Sono spariti anche dei bancali di legno.

(22/09/2004)

acampoleoni

© riproduzione riservata

Tags