Martedì 30 Dicembre 2003

Legge regionale sul Bollo auto: le novità del 2004

Una vera e propria rivoluzione che interesserà oltre seicentomila possessori di auto della Bergamasca: dal 1° gennaio 2004 entra infatti in vigore la legge regionale che stabilisce nuove regole per quanto riguarda le tasse automobilistiche. Ecco in sintesi le principali novità.

Esoneri - Viene introdotto l’esonero al pagamento della tassa automobilistica in caso di perdita di possesso per causa di forza maggiore (ad es. furto o demolizione). L’esonero vale anche in caso di compravendita con sottoscrizione di data certa e qualora il veicolo venga esportato in via definitiva all’estero.

Scadenze - Per i veicoli immatricolati dopo il 1° gennaio 2004 il pagamento della tassa sarà dovuto per 12 mesi a decorrere dal mese di immatricolazione. Invariato il termine del primo pagamento, che è stabilito entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di immatricolazione del veicolo. Non sarà più possibile eseguire versamenti quadrimestrali o semestrali, con l’unica eccezione degli autocarri e degli autoarticolati con peso complessivo superiore a 12 tonnellate. Mantengono invece le vecchie scadenze i veicoli immatricolati sino al 31 dicembre 2003.

Agevolazioni per disabili - Il disabile riconosciuto grave ha sempre il diritto all’esenzione dal pagamento della tassa indipendentemente dalla patologia di cui soffre. È importante ricordare che il diritto all’esenzione decade qualora l’interessato non inoltri la domanda entro 90 giorni dalla scadenza dei pagamenti delle tasse.

Effetti perdita di possesso per furto, rottamazione o esportazione - Non è dovuto il pagamento della tassa se il veicolo viene rubato, rottamato o esportato all’estero nel periodo entro cui il versamento deve essere eseguito; fa fede – nell’ordine – la data della denuncia di furto, di consegna al demolitore o quella di annotazione al Pra dell’avvenuta esportazione. In caso di furto o esportazione all’estero o di rottamazione certificata i contribuenti avranno diritto al rimborso per il periodo nel quale non hanno goduto il possesso del veicolo.

Veicoli storici o d’epoca - La tassa forfetaria per le autovetture destinate esclusivamente al trasporto di persone (30 euro) e i motocicli (20 euro) che hanno compiuto il ventesimo anno di età viene trasformata da tassa di circolazione in tassa regionale di proprietà. L’agevolazione è però condizionata al rispetto delle norme vigenti in materia di gas di scarico, che è certificato con il «bollino blu».

Nuove esenzioni - Introdotte nuove esenzioni per i veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gas, autobus in servizio pubblico di linea, veicoli adibiti ad uso specifico per rifiuti.

Nuove tariffe - I ciclomotori e i motocicli fino a 11 kilowatt pagheranno 22 euro. Per le moto superiori a 11 kilowatt la tariffa sarà di 22 euro, più 1 euro per ogni kilowatt; per i camper 1 euro per ogni kilowatt, mentre roulotte e carrelli pagheranno una tassa fissa di 25 euro. Le auto d’epoca pagheranno 30 euro all’anno, mentre le moto d’epoca corrisponderanno 20 euro annuali . Le tariffe relative a tutti gli altri mezzi rimangono invariate: per esempio, per le auto la tassa è calcolata in 2,58 euro per kilowatt.

Informazioni - E’ possibile ottenerle negli uffici e delegazioni dell’Automobile club presenti in tutta la Bergamasca. Ecco l’elenco: a Bergamo in via Angelo Mai, viale Giulio Cesare, via Palma il Vecchio e via Mattioli. In provincia: ad Albino, Azzano San Paolo, Caravaggio, Cisano, Cividate al Piano, Clusone, Dalmine, Gazzaniga, Grumello, Lovere, Ponte San Pietro, Romano Lombardo, Sarnico, Scanzorosciate, Seriate, Trescore, Treviglio, Urgnano, Villa d’Almè, Zingonia e Zogno.

(30/12/03)

m.ferrari

© riproduzione riservata

Tags