Lunedì 10 Novembre 2008

Lo sciopero cancella anche i treni garantiti
I pendolari: «Non ci rispettano»

«Dopo numerose occasioni in cui in caso di sciopero i dipendenti di Trenitalia hanno rispettato quanto è prescritto per legge, ossia il rispetto delle fasce di garanzia, lunedì mattina i vostri dipendenti sono tornati ai bei tempi degli scioperi selvaggi». È questo l’inizio di una lettera che un pendolare membro del Comitato pendolari bergamasco ha scritto a Trenitalia in occasione dello sciopero di lunedì mattina dei treni.Il treno 2616 delle 7.25 da Bergamo per Milano Centrale è infatti stato soppresso, nonostante sia un treno garantito in caso di sciopero«Ancora una volta questa è la dimostrazione che non siamo rispettati. E come se non bastasse un treno è effettivamente partito dalla stazione di Bergamo verso le 7.30 - continua il pendolare bergamasco -. Si trattava del 6.27 per Sesto San Giovanni in ritardo di ben 65 minuti: il sottoscritto per esempio, e non sono il solo, è stato costretto a prendere un giorno di ferie perchè tale treno, a differenza del 2616, non arrivava in stazione Centrale, bensì a Lambrate: peccato però che alle 8.45 inizziasse lo sciopero dei mezzi dell’Atm a Milano».(10/11/2008)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags