Venerdì 17 Ottobre 2008

L’allarme dell’Assopto sulla vista dei bergamaschi

Destano preoccupazione i risultati del tradizionale appuntamento con gli screening gratuiti della vista, promossi dagli ottici-optometristi dell’Assopto-Ascom al Quadriportico del Sentierone, nell’ambito delle iniziative organizzate in tutta Italia da Federottica nel mese della prevenzione e del benessere visivo. Mai come quest’anno è stata riscontrata una così alta percentuale di «occhi da rivedere», ovvero di visioni sicuramente migliorabili con mezzi correttivi più adatti. Due persone su tre tra quelle visitate sono state invitate ad ulteriori controlli; di queste, una su due è risultata utilizzare di frequente il computer. Secondo i controlli effettuati sul Sentierone è in aumento la percentuale di chi non porta correzioni adeguate.In tre giorni, da sabato 4 ottobre a lunedi 6, la manifestazione ha avvicinato ai test 1.276 persone, che hanno potuto verificare, grazie alla presenza in piazza degli optometristi, la propria efficienza visiva, capire, quindi, se avessero bisogno di correzioni o se le correzioni che già portavano fossero adeguate o meno. Di particolare gravità la diffusione degli occhiali premontati per la presbiopia, che a poco prezzo si trovano in farmacia, al supermercato e pure nei negozi e sulle bancarelle cinesi. «Le note che per legge accompagnano questi occhiali – rilevano gli optometristi - lo dicono chiaramente: costituiscono un mezzo di correzione della presbiopia semplice e devono essere considerati un rimedio di emergenza temporaneo. Se ne sconsiglia l’uso prolungato e continuato».Queste raccomandazioni, è stato verificato, sono largamente disattese, con la conseguenza di aggravare col tempo i problemi visivi. Prodotti su misura si possono invece trovare da un ottico-optometrista a prezzi comunque accessibili. «Le difficoltà economiche delle famiglie – sottolinea l’Assopto – stanno incidendo anche sulla spesa destinata alla salute. È questa, probabilmente, la ragione dello scarso aggiornamento delle correzioni riscontrato quest’anno nei nostri test».La campagna prosegue nei 52 negozi associati di Bergamo e provincia, dove è possibile effettuare un controllo gratuito della vista fino alla fine di ottobre.(17/10/2008)

s.masper

© riproduzione riservata