Malore per Umberto Bossi La Lega: «Non è stato un ictus»

Malore per Umberto Bossi
La Lega: «Non è stato un ictus»

«Questo pomeriggio (giovedì 14 febbraio, ndr), poco prima delle 18, Umberto Bossi è stato portato in elisoccorso al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Circolo di Varese. Sono in corso gli accertamenti necessari ad individuare le cause del malore che lo ha colpito al domicilio. Seguiranno aggiornamenti domattina (venerdì, ndr), intorno alle ore 12». Lo comunica l’ospedale di Circolo di Varese in una nota, dopo che si era diffusa la notizia che il fondatore della Lega Nord, 77 anni, si era sentito male mentre si trovava nella sua casa di Gemonio, in provincia di Varese, cadendo e sbattendo la testa.

Non un ictus o comunque una emorragia cerebrale avrebbe causato lo svenimento di Umberto Bossi. Fonti della Lega, riferiscono che sarebbe stata una crisi epilettica a farlo cadere nel pomeriggio mentre si trovava nella sua casa di Gemonio. Subito con l’elisoccorso, il senatur è stato portato all’ospedale di Varese dove è ricoverato in osservazione ma non sarebbe, sottolineano più fonti del partito, in pericolo di vita. L’ospedale è al momento presidiato da alcune macchine delle forze dell’ordine.

«A Umberto auguri di pronta guarigione». Questo è l’auspicio che Matteo Salvini, attuale segretario della Lega, manda al suo predecessore e fondatore del partito.

«Umberto, amico mio, ancora una volta la vita ti sta mettendo di fronte ad una dura prova da affrontare. Ma ti è già successo, hai vinto in passato battaglie più difficili e sono sicuro che vincerai anche questa. Perchè sei un grande guerriero, sei un lottatore. Siamo tutti con te, forza Umberto». Lo scrive sulla sua pagina Facebook il senatore della Lega, Roberto Calderoli, dopo il malore che ha colpito Umberto Bossi.

Umberto Bossi, 77 anni, nel marzo del 2004 era stato colpito da un ictus che lo costrinse per molto tempo a rimanere ricoverato in ospedale e a una lunga convalescenza. Nel dicembre del 1991 venne, invece, colpito da una ischemia miocardica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA