Mattarella, ok dai parlamentari Bg Soltanto la Lega Nord si smarca

Mattarella, ok dai parlamentari Bg
Soltanto la Lega Nord si smarca

Una persona che saprà garantire al Paese grande equilibrio istituzionale e politico e accompagnerà con rigore e competenza il cammino delle riforme istituzionali: la figura di Sergio Mattarella riscuote consensi e apprezzamenti da numerosi parlamentari bergamaschi, anche da parte degli esponenti di Forza Italia che si erano espressi per la scheda bianca. Solo la Lega si smarca e sospende il giudizio in attesa di vedere i primi atti del nuovo presidente.

Il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina sottolinea «la grande esperienza e saggezza di Mattarella: ha il profilo giusto per un ruolo di questa natura; il Parlamento ha fatto una scelta importante per il Paese. Il percorso che ha portato alla sua elezione è il capolavoro di Renzi e del gruppo dirigente del Pd. Il governo ne esce rafforzato e spero che il percorso delle riforme non si interrompa: siamo ad un passaggio cruciale e la scelta di oggi ci aiuta».

Dall’opposizione Gregorio Fontana, parlamentare di Forza Italia, apprezza «l’equilibrio di Mattarella: ha l’autorevolezza necessaria per fare il presidente della Repubblica». Le critiche arrivano sul percorso seguito: «È stata l’elezione - osserva Fontana - di una persona indicata dalla maggioranza, ma non si poteva pensare diversamente. FI aveva chiesto una condivisione sulla persona. Poi Alfano e i centristi hanno titubato e pasticciato. Ora sono certo che il dialogo sulle riforme andrà avanti sostenuto proprio da Mattarella che ha grandi competenze su questi temi e sarà una garanzia per tutti».

Il leghista Giacomo Stucchi afferma: «Mattarella è sicuramente una brava persona, ma ciò non significa essere automaticamente un bravo politico o presidente. Lo valuteremo sui fatti, sperando che si ricordi che deve interpretare il sentimento di tutti e non solo di una parte. Da componente della Consulta ha bocciato il referendum sulla legge Fornero: ciò non depone a suo favore. Renzi è riuscito a farlo eleggere con un’abile manovra che ha messo nell’angolo Forza Italia: lo ha scelto e, forse, penserà di poter dare indicazioni su scelte spettanti al Quirinale. Spero non accada, ma temo possa succedere».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola domenica 1° febbraio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA