Mercoledì scatta «Rock sul Serio» L’esordio è con i Sadside Project

Mercoledì scatta «Rock sul Serio»
L’esordio è con i Sadside Project

Sfumature indie, pop, blues, folk, elettroniche ma pur sempre di rock alternativo si tratta: il cartellone di Rock sul Serio tiene fede al nome del festival musicale che da mercoledì 22 luglio a domenica 26 darà spazio alla musica indipendente nazionale proponendo tanti sottogeneri della musica rock.

Sono dodici gli artisti che si esibiranno al Centro sportivo di Villa di Serio di via Cavalli, per un alternarsi di band di fama nazionale e alcune tra le migliori proposte del territorio bergamasco e lombardo. Si comincia mercoledì con i Sadside Project, una delle realtà ai confini con il folk più interessanti della scena underground romana, con alle spalle alcune importanti collaborazioni (Verdena, Adriano Viterbini dei Bud Spencer Blues Explosion e Joe Lally dei Fugazi) e partecipazioni ad alcune manifestazioni nazionali. A Rock sul Serio presenteranno il nuovo disco «Voyages Extraordinaires», uscito il 20 marzo. In apertura i bergamaschi Voyeur.

Giovedì arriva invece Andrea Appino, fresco del suo secondo disco «Grande Raccordo Animale» dopo il debutto nel 2013 con la sua opera prima da solista, anche se alle spalle ha quasi vent’anni di carriera e sette album con i suoi Zen Circus, band diventata un peso massimo per la musica indipendente italiana grazie proprio ai testi al vetriolo dell’arricciato cantante chitarrista. Urgenza espressiva la chiama lui, cantautorato punk dicono gli hipsters: semplicemente musica potente e parole forti. In apertura i bergamaschi Karenina, vincitori del Premio «Giuria Festival» del concorso Musica da Bere 2015.

Andrea Appino. Nella foto principale i Sadside Project

Andrea Appino. Nella foto principale i Sadside Project

Venerdì spazio a un’altra storica band dell’italrock alternativo, la A Toys Orchestra: attiva da oltre 15 anni, la band salernitana è tornata sulle scene sul finire del 2014 con un nuovo disco, il sesto in carriera, in cui si diverte a fondere il pop rock di estrazione british con sfumature psichedeliche e anni Sessanta. Meno chitarre e più sintetizzatori, quindi, che diventano lo snodo strutturale su cui indirizzare bassi e pianoforti tra spunti onirici, morbidezze crepuscolari e fughe nella melodia. In apertura Il Vuoto Elettrico e La Colpa.

Sicuramente più diretto e meno elettronico, il trio chitarra, basso e batteria dei torinesi Nàdar Solo salirà sul palco sabato 25 con il suo alternative rock raffinato e grintoso. Aprono i bergamaschi Arcane of Souls e Rich Apes. La serata conclusiva sarà invece affidata al cantautorato di Cecco e Cipo.

Marco Offredi


© RIPRODUZIONE RISERVATA