Mercoledì 21 Gennaio 2009

Moretti a capo della Comunità delle Ferrovie Europee«Potenzierò le ferrovie europee»

Mentre imperversa la polemica sul piano orari e sui disagi che i pendolari bergamaschi subiscono da treni perennemente in ritardo e dalle carrozze fatiscenti, per Ferrovie dello Stato arriva una nomina internazionale. L’amministratore delegato Mauro Moretti è da mercoledì 21 gennaio il nuovo presidente del Cer, la Comunità delle Ferrovie Europee (Community of European Railway and InfrastructureCompanies). A nominarlo all’unanimità i delegati delle 72 società ferroviarie appartenenti alla Comunità delle Ferrovie Europee riunitisi a Bruxelles dove il Cer ha sede e dove svolge la sua attività in un confronto costante e diretto con il Parlamento, la Commissione e il Consiglio dei Ministri Europeo.Da circa un anno Moretti è già vice presidente del Cer e nei suoi progetti il completamento della riforma ferroviaria europea: liberalizzazione, interoperabilità, corretta applicazione delle direttive comunitarie in tutti i Paesi. Subito dopo - spiegano da Fs in una nota - obiettivo è la ricerca di adeguati investimenti pubblici e privati per potenziare il sistema ferroviario europeo. E se per qualcuno queste parole possono sembrare una beffa pensando al sistema ferroviario italiano, i pendolari avranno di che commentare le parole di Moretti che ha dichiarato, dopo la nomina: «Il potenziamento del sistema europeo è un obiettivo particolarmente importante oggi – ha detto Moretti – perché in questo contesto economico l’aumento degli investimenti in servizi e infrastrutture può rappresentare una delle migliori risposte per combattere gli effetti della recessione».Infine Moretti ha affermato che «lavorerà affinché in tutta Europa si creino le condizioni per una corretta ed efficace concorrenza tra le diverse modalità di trasporto e anche tra le diverse imprese operanti nello stesso settore così da arrivare - ha concluso il neo presidente - a una leale ed efficiente competizione fra tutti gli operatori, a beneficio dei cittadini europei». Tutto questo mentre Fs si è pure posizionata su un mercato che valica anche i confini europei, con investimenti in Egitto, Algeria e Arabia Saudita.(21/01/2009)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags