Morsa da vipera al rifugio Curò 31enne di Vicenza non è grave

Morsa da vipera al rifugio Curò
31enne di Vicenza non è grave

Paura, sabato 18 luglio, per due turisti, fra i tantissimi che hanno affollato le valli bergamasche tra sentieri e rifugi alla ricerca di un po’ di fresco.

Verso le 17 una donna di 31 anni, residente a Vicenza, è stata morsa da una vipera e per soccorrerla è stato necessario l’intervento dell’elicottero del 118. Il fatto è successo al rifugio Curò, in territorio comunale di Valbondione. L’escursionista stava prendendo il sole nelle vicinanze del rifugio e aveva tolto le scarpe. Poi si è alzata e ha mosso qualche passo nel prato, calpestando una vipera, che l’ha morsa appena sotto la caviglia. È intervenuto l’elisoccorso: lo staff ha soccorso la donna con un bendaggio e le ha somministrato un analgesico. La paziente è stata trasportata al Papa Giovanni di Bergamo, ma non è grave.

Un’ora prima agli Spiazzi di Boario (Gromo) un 35enne residente a Vimodrone stava percorrendo un sentiero nel bosco quando si è seduto su un ramo d’albero, senza accorgersi della presenza di un nido di vespe. Gli insetti lo hanno punto ripetutamente e in più parti del corpo, tanto da procurargli una reazione allergica. Le condizioni del paziente sembravano preoccupanti, a causa dello choc anafilattico, ma poi il 35enne si è ripreso.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola domenica 19 luglio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA