Mercoledì 10 Marzo 2010

Nevica, maltempo fino a venerdì
ma sabato e domenica c'è il sole

Il vortice giunto martedì ha insistito sull'Italia fino alla tarda serata di martedì provocando nevicate estese su tutto il Nord Italia. Piogge prevalenti, invece, al Centrosud in graduale attenuazione. Nella giornata di giovedì un nuovo impulso d'aria artica raggiungerà la Penisola rinnovando nevicate a quote collinari su centrali tirreniche e fascia prealpina. Pausa interlocutoria venerdì, seguita da un nuovo peggioramento in chiave fredda sabato, anche se il cielo dovrebbe essere sereno. Torna il bel tempo tra domenica e lunedì grazie al ritorno dell'alta pressione. Temperature ben al di sotto della media stagionale per tutto il periodo.

Anche per i prossimi giorni la presenza di un ponte anticiclonico tra la Gran Bretagna e le Repubbliche Baltiche permetterà a masse d'aria gelida di estrazione continentale di puntare verso la nostra Penisola. Continueremo a vivere quindi un periodo piuttosto freddo e a tratti perturbato, con correnti gelide che determineranno annuvolamenti estesi e nevicate anche a bassa quota. In particolare l'interazione delle masse d'aria polari con il Mediterraneo ha generato da martedì una nuova depressione che favorirà nuove nevicate fino in pianura, più abbondanti sulle pianure meridionali. Tra giovedì e venerdì è atteso un miglioramento, ma a seguire aria fredda potrebbe giungere ad intermittenza almeno fino alla fine della seconda decade, con possibili nuove comparse della neve. Per il ritorno della primavera dovremo attendere probabilmente la parte finale del mese. Ma la tendenza è molto incerta e necessita di aggiornamenti per cui continuate a seguire tutte le nostre emissioni.

MERCOLEDI': Un minimo depressionario presente sulle regioni centrali invia correnti umide da SE, responsabili di cieli molto nuvolosi, salvo qualche timida apertura sulle Alpi Retiche di confine. Precipitazioni in prevalenza deboli, nevose fino in pianura, moderate al mattino su Mantovano, Cremonese e Bresciano, ma con accumuli significativi solo al mattino, poi neve più umida, con temperature di 1/3 gradi sopra lo zero. Zero termico diurno intorno ai 600/700 metri, più alto sui confini alpini retici. Attendibilità: 75-80% - Medio alta

GIOVEDI': Il minimo depressionario presente al centro-sud Italia si muove lentamente verso est. Esso interesserà ancora fino a metà giornata i nostri settori, con nubi prevalenti, più spesse tra Orobie e Prealpi, dove saranno ancora possibili lievi fenomeni, nevosi a bassa quota. In seguito graduale assorbimento della nuvolosità, con schiarite dalla sera, ampie in nottata. Temperature ancora basse, ma in lieve aumento, comunque inferiori alle medie di 5-6 gradi. Zero termico diurno intorno a 800/1000 metri, più alto sui confini retici. Attendibilità: 70-75% - Media

VENERDI': Saremo interessati da deboli correnti settentrionali, con cieli in prevalenza poco nuvolosi. Maggior nuvolosità insisterà nella prima parte del giorno sulle pianure meridionali, con anche qualche nebbia possibile. Temperature in rialzo nei valori massimi, fino a 7/8 gradi, estese e intese gelate al mattino, con punte di 5/6 grado sotto lo zero in aperta campagna. Zero termico diurno oltre i 1500/1700 metri. Attendibilità: 70-75% - Media

SABATO: Correnti settentrionali più asciutte tornano ad investire i nostri settori, determinando una giornata di sole, con cieli in larga parte sereni. Solo su Alpi confinali Retiche si addosserà della nuvolosità, più spessa dal pomeriggio quando non sono escluse deboli nevicate. Temperature in aumento, specie nei bassi strati, con punte prossime ai 10/11 gradi sulla fascia pedemontana, dove dal tardo pomeriggio si innescheranno venti di fhoen, anche intensi. Attendibilità: 65-70% - Medio bassa

DOMENICA: Correnti asciutte settentrionali investiranno la Lombardia, determinando una bella domenica di sole, con cieli sereni. Solo su Alpi confinali ci saranno al mattino gli ultimi addensamenti. Probabili venti di fhoen sui settori occidentali, con massime che raggiungeranno i 10/12 gradi sulla fascia prealpina e pedemontana. Freddo in montagna. Attendibilità: 65-70% - Medio bassa

a.ceresoli

© riproduzione riservata