Lunedì 27 Aprile 2009

Orio: 8 minuti per scaricare
poi scatta il pagamento della sosta

Nuova regolamentazione delle vie di accesso alle aree di sosta antistanti l’aerostazione di Orio al Serio. In vista dell’allargamento dell’area di cantiere per i lavori in corso al terminal aeroportuale e al fine di agevolare l’accesso dei veicoli privati diretti alle aree di sosta breve, - fa sapere Sacbo, la wsocietà di gestione dello s calo bergamasco - «è stato introdotto un nuovo dispositivo regolato da sbarra all’ingresso delle due corsie di marcia a senso unico, in sostituzione dei parcheggi regolati da parcometro. Per poter accedere, gli automobilisti devono ritirare il ticket dal sistema automatico predisposto accanto alla sbarra d’ingresso e procedere verso le aree di sosta. E’ consentito comunque impegnare l’area di sosta per il tempo minimo richiesto dalla sola operazione di carico e scarico di passeggeri e bagagl, valutato in otto minuti».

«Rientrando nei tempi di franchigia, si potrà uscire senza pagare alcun diritto di parcheggio. Superato il tempo di sosta gratuito, si dovrà procedere al pagamento ad una delle casse automatiche in base alle tariffe, invariate, già in vigore con i parcometri. Il nuovo sistema - prosegue Sacbo - offre il vantaggio di pagare per il tempo effettivo di sosta ed evitare il rischio di incorrere in sanzioni per superamento dell’orario impostato al parcometro».

Una corsa libera di scorrimento è riservata alle auto private, comprese quelle con disabili a bordo, che devono raggiungere i parcheggi a lunga sosta.

Secondo Sacbo, «il nuovo sistema di regolamentazione della sosta, che rappresenta la prima fase della nuova viabilità di accesso all’aerostazione, è stato concepito per garantire un migliore ordine e scorrimento del flusso dei veicoli privati in entrata e una più corretta disciplina nell’uso degli spazi antistanti l’aerostazione, concedendo il tempo necessario a chi deve fermarsi per accompagnare o prelevare passeggeri in aeroporto».

Autobus, taxi, mezzi delle forze dell’ordine e veicoli autorizzati continueranno a percorrere la corsia riservata prossima al terminal.

a.ceresoli

© riproduzione riservata