Passerella, un soccorritore racconta: «Ma dov’è finito il buon senso?»

Passerella, un soccorritore racconta:
«Ma dov’è finito il buon senso?»

Migliaia e migliaia di persone sulla passerella, anche quelle in precarie condizioni di salute o che non si sono preoccupate nemmeno di mettersi un cappello sulla testa. Un soccorritore racconta la sua allucinante esperienza.

«Eccomi, reduce della passerella di Christo! Sono un volontario che opera sulle ambulanze, sono approdato come tanti altri colleghi giunti da mezza Lombardia per dare una mano e per stringerne tante. Non mi ricordo più quanti interventi di soccorso ho fatto, quante pressioni ho provato, quante informazioni abbiamo dato, una tra le più divertenti è stata quella di sapere se da Monte Isola c’era possibilità di andare in bus a Iseo. “No, signore con panama a fascia blu, mi dispiace: può chiedere a chiunque, ma le assicuro che non è davvero possibile!”».

«Dislocato “appiedato”, con zaini ben equipaggiati, radio portatile per essere attivati e un collega tra Peschiera e Sensole, pronti all’ombra di un salice, che non era piangente ma credo ridente (se avesse avuto padiglioni auricolari), ascoltavamo e infilavamo pazienti nei bar, dopo averli valutati, per tenerli al fresco in attesa del soccorso o su strada o via lago. Una signora piemontese ha avuto un malore importante davanti a noi. Presa in tempo zero e, dopo il trattamento, trasferita con l’idroambulanza».

Tutti sulla passerella

Tutti sulla passerella
(Foto by San Marco)

«Persone colte da malore tutte rigorosamente senza cappello, bambini di un paio di mesi in braccio a sciagurati papà sotto il sole e mamme assenti, intente a cercare la posa da “postare”, nonne a un passo dalla Pax che crollavano dopo poche centinaia di metri, uomini e donne con occhialini nasali e bombola dell’ossigeno a tracolla, ambo i sessi operati da poco al cuore e con pacemaker e cerotti in bella vista, altri reduci da ictus recenti, protesi d’anca e traumi vari».

«Più che sulla passerella sembrava di essere sulla “Street” dell’ospedale Papa Giovanni. Poi, certo, anche tanti utenti sani, ma senza cappello per riparare la testa dal sole, senza acqua e che, con vera fatica, hanno portato a termine il tragitto o una piccola parte, fieri e contenti di aver raggiunto l’impresa. Gli stessi che poi magari, quando sono a casa, vanno dal fruttivendolo in fondo alla strada con il Suv».

«Nei rari momenti di tregua cerchi di vivere anche tu quello per cui in migliaia invadono Monte Isola: ma l’occhio vede anche altro. Vendere una bottiglietta piccola di acqua a 2 euro, e anche a 2,5 euro, è vergognoso e senza un minimo di etica commerciale. Mi sono informato: il costo per l’esercente è di circa 10-12 centesimi a bottiglietta, in base al numero dei pezzi, e magari anche meno. Monte Isola non ci fa una bella figura! E poi: panini con una misera porzione di salamella a 4 euro l’uno... Tutto questo non lascia ricordi positivi. Ma c’è anche la forneria che termina le brioche alle 8 del mattino, spiegandoti: “Sa, non ci aspettavamo tanta gente”. Quando bastava il primo giorno per capirlo».

«Bagni chimici pochissimi e quasi impraticabili, rifiuti presenti ma ordinati, cestini pochi e stracolmi, postino impossibilitato a fare il suo mestiere, carabinieri gentili e ben sistemati all’asilo, farmacia senza più creme solari, integratori minerali e cerotti. Richiesta urgente al grossista, per consegna entro sera. Ombrelli da pioggia utilizzati come parasole che se non stai attento ti accecano, donne con cappelli a tesa larga con posto per due. Saluto allungando la mano al cigno che si avvicina con beccata d’ordinanza. E poi la bacchetta per i selfie in mano anche a quasi novantenni. Inciampi nel tessuto, perché chattare è più importante che vivere il momento».

«Poi la radio di servizio chiama e riprendi il tuo ruolo. E trovi finti malori di persone che vogliono soltanto sapere se si può arrivare a Sulzano con l’idroambulanza. O malori risolti sul posto con la richiesta di fare da garante con il comandante del battello per avere l’imbarco immediato e saltare la fila. “Sa, ragazzo - mi ha detto una signora -: io sono molto ammalata e non posso farmela a piedi al ritorno, e poi la passerella mi dà la nausea. Attendere in coda il battello? L’ho già fatto stamattina».

«Ma la pietra miliare è questa: “Mi scuso se mi sono sentita male e siete dovuti correre per me. Ci tenevo a fare la passerella con la luce del sole particolare del mezzogiorno. Ho però capito che non ho più l’età per certe cose. Sa, caro, sono del 1930: le auguro di arrivare alla mia età”. Grazie, signora di Bologna: spero di arrivarci, però con più buon senso. Quello che a una certa età dovrebbe essere acquisito avendo percorso buona parte della “passerella della vita”». 
Massimo Doneda


© RIPRODUZIONE RISERVATA