Lunedì 24 Agosto 2009

Per la scuola bergamasca
arrivano 20 insegnanti in più

Il sindacato della scuola Snals porta a Bergamo 20 posti in più per gli insegnanti. Un risultato ragguardevole in tempi di tagli agli organici e che arriva proprio sul filo di lana, ad anno scolastico 2009/2010 quasi al via, con le nomine in corso per il ruolo e le supplenze.

“E’ il frutto del nostro forte impegno, attivo e concreto, speso ai tavoli delle trattative sulla partita organici”: commenta a caldo con orgoglio Loris Renato Colombo, segretario provinciale Bergamo del sindacato scuola Snals. L’arrivo delle “ulteriori risorse”, cioè 138 posti in più in totale per la scuola lombarda, è annunciato dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia con una circolare che porta la data del 24 agosto, ed è indirizzata ai vari provveditorati e sindacati di categoria: 20 posti in più a Bergamo, 23 per Brescia, 15 Como, 10 Cremona, 15 Lecco, 5 Lodi, 15 Mantova, 10 Milano, 10 Pavia, 5 Sondrio, 10 Varese.

Un risultato che supera il contingente aggiuntivo inizialmente in ballo per Bergamo, pari a 15 posti. Loris Renato Colombo traccia una rapida cronistoria delle trattative e aggiunge: “Abbiamo agito con grande senso di responsabilità e determinazione per il bene della scuola bergamasca. L’autonomia sindacale, che è la nostra bandiera, richiede infatti un nostro costante impegno per contribuire a dare risposte concrete sulla partita organici a difesa della qualità della scuola ed a tutela del suo personale”.

Ecco la cronistoria dello Snals
30 luglio 2009
Incontro all’Ufficio Scolastico di Bergamo (ex Provveditorato) per le operazioni di avvio dell’anno scolastico, presenti tutte le organizzazioni sindacali di categoria e la parte pubblica, rappresentata dal dirigente dell’Ufficio Scolastico che, presentando la situazione degli organici, evidenzia la necessità di dover procedere allo sdoppiamento di 15 classi della scuola primaria: esigenza provinciale che invitava tutti i sindacati a sostenere attraverso le rispettive segreterie regionali.
31 luglio 2009 Incontro a Milano presso l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia per le operazioni di avvio dell’anno scolastico, presenti tutte le organizzazioni sindacali di categoria e la parte pubblica, rappresentata dal dirigente dell’Ufficio Scolastico di Milano. Il segretario regionale Snals Alessandro Dutto, prontamente sollecitato dalla nostra struttura provinciale, nel resoconto dell’incontro riferisce che “proprio per dare risposte alle problematiche bergamasche, in sede regionale si è deciso di accantonare posti da distribuire sulle varie province lombarde per risolvere emergenze in organico. Ovviamente i posti ridistribuiti dovranno essere oggetto di concertazione in sede provinciale con le organizzazioni sindacali”. E’ inoltre necessario che “l’Ufficio Scolastico di Bergamo invii urgentemente all’Ufficio Scolastico della Lombardia una richiesta di organico per rispondere all’emergenza dello sdoppiamento di 15 classi di scuola primaria”. Di quanto deciso in sede regionale, lo Snals avvisa subito l’Ufficio Scolastico di Bergamo e resta in vigile attesa per conoscere il testo che verrà inviato in regione.
11 agosto 2009 Incontro all’Ufficio Scolastico di Bergamo. La delegazione Snals Bergamo rammenta: 1) la necessità evidenziata dal Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Bergamo di dover procedere allo sdoppiamento di 15 classi della scuola primaria, 2) la sollecitazione del Dirigente dell’Ufficio scolastico di Bergamo a sostenere questa esigenza provinciale, attraverso le segreterie sindacali regionali. Inoltre evidenzia l’impegno del segretario regionale Snals al tavolo della trattativa regionale. Infatti il 31 luglio, il segretario regionale Snals ha ottenuto che sui posti accantonati dall’Ufficio scolastico per Lombardia per risolvere le “emergenze”, 15 fossero attribuiti a Bergamo».

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags