Più incidenti da pedoni che alla guida
Smartphone, segnali stradali in Svezia

Farà discutere in mezza Europa la decisione della polizia di Stoccolma di installare lungo i marciapiedi segnali stradali verticali di pericolo indicanti a chi guarda lo smartphone anziché la strada, per sensibilizzare i cittadini sui rischi legati all’uso degli smartphone.

Più incidenti da pedoni che alla guida Smartphone, segnali stradali in Svezia

Si sa che distrarsi dalla strada e mettersi a giocare con il telefono è pericoloso non solo quando si è alla guida, ma anche quando si è dei semplici pedoni. Il problema non è marginale, se si considera che il numero di incidenti legati all’uso di smartphone da parte dei pedoni è addirittura superiore a quello degli incidenti dovuti all’uso del telefono alla guida.

Combattere questa cattiva abitudine è difficile, e le autorità della città di Stoccolma hanno deciso di fare buon viso a cattivo gioco, impiantando segnali stradali verticali di pericolo indicanti due figure, maschile e femminile, che camminano guardando il telefono. I marciapiedi in tutta la città sono dotati di numerosi «triangoli» stradali, in modo che il pedone sia sempre avvisato dell’effettivo pericolo che si può correre incrociando pedoni che utilizzano i cellulari mentre camminano.

«Ci sono molti anziani e bambini per la nostre strade, e camminare distratti dai telefoni può causare collisioni dannose», spiega un portavoce, che fa anche intuire che l’iniziativa ha uno scopo soprattutto preventivo, per sensibilizzare le persone a considerare il fatto che usare lo smartphone mentre si cammina comporta dei rischi.

I risultati però osserva Giovanni D’Agata, presidente dello «Sportello dei Diritti», non sembrano entusiasmanti: in molti si fermano incuriositi a guardare il segnale, e magari a fotografarli, ma la gente non sembra usare meno il telefono. Ma se l’obiettivo è quello di far passare un messaggio, beh, sicuramente è stato centrato anche perché quello delle distrazioni in strada è un fenomeno serio e che va combattuto con ogni mezzo legale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA