Venerdì 07 Dicembre 2007

Presepi, torna il concorso con l’«Eco di Bergamo»

Torna anche quest’anno l’iniziativa che «L’Eco di Bergamo» dedica ai presepi allestiti nelle case, ma anche nelle scuole o nei luoghi pubblici, nelle chiese o sui posti di lavoro. I lettori ormai la conoscono bene e dimostrano di apprezzarla seguendola ogni anno sempre più numerosi. Partecipare a «Fotografa il tuo presepio» è semplicissimo. Una volta realizzato il presepio basterà, infatti, spedire la fotografia a colori alla segreteria di redazione de «L’Eco di Bergamo», viale Papa Giovanni 118, Bergamo. Si può anche consegnarla direttamente nella sede del quotidiano (al terzo piano di Palazzo Rezzara), tutti i giorni dalle 10,30 alle 18, o spedirla via e-mail all’indirizzo [email protected] (foto in formato jpg). Il termine ultimo per la consegna è lunedì 7 gennaio: per le lettere farà fede il timbro postale; per le email la data di spedizione elettronica. Per ogni fotografia è necessario indicare nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico dell’autore del presepio. Va allegato anche un foglio con una breve descrizione dell’opera. Il 1° classificato vincerà un televisore con schermo piatto a cristalli liquidi di 15 pollici; seguiranno 10 premi ex aequo che consistono in un abbonamento annuale alla rivista «Orobie».Le foto saranno pubblicate sulle pagine de «L’Eco di Bergamo» in un’apposita sezione a colori. Sarà possibile, inoltre, ammirare una selezione dei presepi in concorso anche sul sito web del giornale all’indirizzo www.ecodibergamo.it. Le fotografie verranno infine sottoposte alla competenza della giuria composta anche quest’anno dagli «Amici del presepio» di Brembo di Dalmine, che sceglierà i migliori allestimenti per qualità, tecniche di costruzioni, cura dei particolari. Anche la fotografia ha la sua importanza. Dalla bellezza delle foto, infatti, dipenderà il giudizio della giuria. Una giusta luce e una buona inquadratura potranno far meglio comprendere a chi dovrà giudicare e ai lettori l’allestimento presentato in concorso.

a.campoleoni

© riproduzione riservata

Tags