Rimborsi disabili: Provincia nei guai Deve ai Comuni 16,1 milioni di euro

Rimborsi disabili: Provincia nei guai
Deve ai Comuni 16,1 milioni di euro

«Un caso unico sul territorio nazionale», lo definisce il presidente della Provincia Matteo Rossi. Almeno per l’entità delle cifre: ammontano a 16,1 milioni di euro i rimborsi che oltre 170 Comuni chiedono a via Tasso per l’assistenza educativa che, dal 2002 in avanti, hanno garantito a studenti disabili delle scuole superiori. Facendosi carico di un compito che il giudice ha stabilito invece essere in capo alle Province.

La vicenda si trascina da tempo: la prima querelle sulle competenze (a Seriate) è del 2006, il Comune di Bergamo vince in tribunale nel 2011, ma ancora nel 2012 il Consiglio provinciale (forte di pareri della Regione e dell’Upl, l’Unione delle Province lombarde) ribadisce unanime che all’ente di Via Tasso spettano le competenze per il trasporto, ma non per l’assistenza educativa agli alunni disabili delle scuole superiori, e chiama in causa il Pirellone perché faccia chiarezza.

Così, nel gran pasticcio delle competenze, cominciano a fioccare ricorsi e richieste di rimborsi da parte dei Comuni. E quando il Consiglio di Stato, nel 2013, ci mette un punto, dicendo che l’assistenza è a carico delle Province, per Via Tasso si apre un capitolo che ancora adesso rischia di mandare all’aria i conti già precarissimi dell’ente. Solo per sentenze arrivate negli ultimi mesi, la Provincia dovrebbe versare 2,6 milioni di euro (anche se si stanno cercando con i Comuni delle transazioni al 70%). In più, con una quindicina di amministrazioni, si sta aprendo una procedura di «negoziazione assistita», per cercare un accordo prima della causa (e qui in ballo ci sono altri 540 mila euro).


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola sabato 19 settembre 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA