Martedì 01 Luglio 2008

Salute a misura di donna. Riuniti al top

La salute in Italia è a misura di donna in 96 ospedali, 24 dei quali sono al top della classifica della seconda edizione Ospedaledonna 2008 e hanno ricevuto tre bollini rosa dalla Commissione istituita da O.N.Da, l`Osservatorio nazionale sulla salute della donna. Oggi al Senato è stata presentata l’edizione 2008 degli ospedali vincitori dei bollini rosa, e - oltre ai premi - la buona notizia è che Nord e Sud, in tema di salute al femminile, sono più vicini, e anche la provincia viene promossa. Ogni anno in Italia vengono ricoverate 5 milioni di donne. La commissione di O.N.Da ha analizzato e classificato 115 candidature di ospedali italiani, di Ospedali pubblici (90 %) e strutture private accreditate (il 10 %): il 52 % delle candidature è pervenuto dal Nord, ma anche regioni del Sud più piccole come il Molise, la Basilicata e l`Abruzzo sono ben rappresentate. I premiati sono stati 96, contro i 44 dello scorso anno.Tre bollini rosa, il massimo, sono andati a 24 ospedali, due bollini a 27 e un bollino a 45, per un totale di 96 centri distribuiti in tutta la penisola su 115 candidature presentate. Sono queste quindi le strutture a misura di donna. I risultati sono confortanti: non solo le candidature sono molto aumentate (da 70 a 115), ma 21 centri hanno chiesto e ottenuto un aumento del numero di bollini rispetto all`anno precedente. Inoltre tende a chiudersi quella forbice tra Nord e Sud tanto evidente loscorso anno, svelando eccellenze anche in piccoli centri. Tutto ciò a vantaggio di quelle donne - circa 5 milioni nel 2007 su un totale di 9 milioni di italiani - che hanno dovuto affrontare un ricovero.La durata media è di una settimana, ma oltre 2 milioni di donne hanno avuto bisogno di cure in day hospital, 5 su mille sono ricorse all`ospedale per un periodo di riabilitazione e 2 su mille sono state ricoverate in lungodegenza. Proprio pensando a loro, la commissione di O.N.Da presieduta da Laura Pellegrini (direttore generale dello Spallanzani di Roma), ha identificato i requisiti per l`assegnazione dei bollini. Tra questi la presenza di un punto nascita efficiente e confortevole - con 600mila nascite all`anno il parto è il motivo più frequente di ricovero -, ma anche l`attenzione alle malattie di genere, la disponibilità di servizi dedicati alle donne ricoverate, la presenza femminile in posizioni dirigenziali e la produzione di pubblicazioni scientifiche su patologie femminili.).Ecco, tra i 96 ospedali premiati i 24 centri al top della classifica che hanno meritato tre bollini rosa: al Nord e centro, l’Ospedale San Carlo Borromeo (Milano), l’azienda ospedaliera universitaria San Martino (Genova), l’A.O. Nazionale santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo (Alessandria), l’ospedale dell`Angelo ulss 12 veneziana (Mestre), l’istituto oncologico veneto Irccs (Padova), gli Ospedali Riuniti di Bergamo, le Molinette (Torino), l’arcispedale Santa Maria Nuova(Reggio Emilia), il polo universitario Luigi Sacco (Milano), la Fondazione Irccs policlinico San Matteo (Pavia), il centro di riferimento oncologico di Aviano, l’ azienda ospedaliera istituti clinici di perfezionamento, presido ospedaliero ospedale dei bambini Vittore Buzzi (Milano), Ulss 7 Veneto - Pieve di Soligo (Tv) - ospedale di Conegliano, la asl 1 imperiese - Bussana di Sanremo (Imperia), ospedale di Lecco - Ao di Lecco, l’Irccs ospedale San Raffaele (Milano), ospedale Sandro Pertini (Roma), il policlinico universitario A. Gemelli (Roma), l’azienda ospedaliero - universitaria ospedali riuniti - presidio ospedaliero di alta specializzazione G. Salesi - Torrette di Ancona; al Sud e isole il San Giovanni di Dio azienda ospedaliero-universitaria (Cagliari), l’ente di ricerca (Campobasso), villa Sofia - cto (Palermo), azienda ospedaliera universitaria Federico II (Napoli), azienda ospedaliera civico e Benfratelli - G. Di Cristina - M. Ascoli (Palermo(01/07/2008)

e.roncalli

© riproduzione riservata